11 aprile 2021
Aggiornato 11:00
Meeting di Rimini

Battibecco Calderoli-Alemanno. Il Sindaco: «Basta demagogia su Roma»

Il ministro al sindaco: «Tutti i sindaci, quando hanno bisogno di qualcosa, vengono da me. Adesso basta»

ROMA - Nuovo battibecco tra il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e gli esponenti leghisti. Ancora una volta motivo del contendere la Capitale. Questa volta il teatro è stato il palco del Meeting di Rimini dove Alemanno ha partecipato a un dibattito con il ministro delle Riforme, Roberto Calderoli, insieme anche a Piero Fassino. Il tema della tavola rotonda era, guarda caso «La riforma del federalismo fiscale». Alemanno ha accusato il collega di maggioranza di «demagogia» difronte alla provocazione del ministro che ha sostenuto che Roma è stata l'unica città ad aver accollato i propri debiti in capo allo stato.

«Tutti i sindaci, quando hanno bisogno di qualcosa, vengono da me», ha lamentato Calderoli. «Adess bast», ha aggiunto il ministo, rivolgendosi ad Alemanno riferendosi al buco di bilancio della Capitale. «Dovete smetterla con questa demagogia contro Roma - ha replicato immediatamente dal palco Alemanno - se continuate con questa demagogia contro Roma, significa demagogia contro l'Italia». Il sindaco ha rivedicato di non essersi mai sottratto alle proprie responsabilità e poi ha chiosato: «così il federalismo non ha futuro. Non cercate di ucciderlo in culla».