27 maggio 2024
Aggiornato 02:00
Per le regioni il taglio è di un miliardo

Tremonti: Previsto l'anticipo del federalismo

Riduzione dei trasferimenti alle regioni di 6 miliardi per il 2012 e di 3,5 nel 2013

ROMA - La manovra prevede un taglio ai trasferimenti degli enti locali con una riduzione di 6 miliardi per il 2012 e di 3,5 nel 2013. Queste le cifre fornite dal ministro dell'Economia, Giulio Tremonti al tavolo con gli Enti locali, annunciando «un anticipo del federalismo». Per le regioni il taglio è di un miliardo.

«Questo è il tipico caso di decreto per necessità e urgenza. La necessita per la tenuta del paese, l'urgenza per i mercati» ha detto Tremonti.
«Il pareggio di bilancio era previsto nel 2014, come concordato a livello europeo. Poi tutto precipita. E questo comporta una revisione del profilo temporale del pareggio. Dobbiamo scendere - ha spiegato il ministro - dal 3,9% del 2011 all'1'6 nel 2012 e poi il pareggio l'anno successivo. Obbiettivi da raggiungere attraverso riduzioni della spesa, se li raggiungessimo con aumenti fiscali non verrebbero considerati validi da Bruxelles. Dobbiamo ridurre l'indebitamento attraverso riduzioni di spesa».