18 novembre 2019
Aggiornato 01:30
Energia

Rinnovabili, l'Umbria presenta il regolamento

Rometti: «Non solo regole e criteri, ma anche semplificazione amministrativa, certezza delle prescrizioni, e soprattutto un quadro programmatico»

PERUGIA - «Non solo 'regole e criteri', ma anche semplificazione amministrativa, certezza delle prescrizioni, e soprattutto un quadro programmatico che fissa obiettivi di sviluppo nel breve periodo e le linee di indirizzo di una nuova politica regionale in materia di energia». Sintetizza così l'assessore regionale all'Ambiente Silvano Rometti, il senso del Regolamento sulla 'Disciplina regionale per l'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili' e della 'Strategia regionale per lo sviluppo dell'energia da fonti rinnovabili 2011/2013', approvati dalla Giunta regionale dell'Umbria, i cui contenuti e le finalità sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta stamani a Perugia.

«Si tratta di due atti importanti - ha detto Rometti - che si integrano tra loro, fornendo un quadro completo agli operatori pubblici e privati e che delineano una strategia regionale per assicurare uno sviluppo nel rispetto dell'ambiente e del territorio, ma anche in grado di perseguire il raggiungimento di obiettivi di crescita della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, che l'Europa ci chiede e su cui lo Stato italiano vigilerà, emanando pesanti sanzioni alle Regioni».

Per quanto riguarda il Regolamento, l'assessore Rometti ha precisato che «e' fondamentale nel Programma legislativo per dare certezza a un settore dinamico della nostra economia regionale che vede impegnate imprese umbre anche di rilievo nazionale e molti soggetti istituzionale, a partire dall'Università». «L'atto - ha aggiunto - costituisce un passaggio imprescindibile per lo sviluppo regionale e, con l'approvazione del testo, si è concluso un lungo iter partecipativo che ha visto un confronto serrato con tutti i soggetti interessati, sia con il Tavolo dell'Alleanza, sia con gli Enti locali competenti del governo del territorio.

««Il Regolamento - ha aggiunto Rometti - supera le precedenti disposizioni emanate dalla Giunta regionale e inoltre, recepisce le linee guida nazionali, cercando di raggiungere un sostenibile equilibrio tra lo sviluppo delle energie rinnovabili, indispensabile sul piano del settore energetico, ma anche economico ed occupazionale, e la salvaguardia degli elementi ambientali e paesaggistici, comunque importanti per la Regione Umbria che ha, da sempre, riservato attenzione a questo aspetto. Per tale ragione, è stato stabilito che tutti gli impianti di grandi dimensioni saranno sottoposti a valutazione di impatto ambientale e, in quella sede, potranno, eventualmente, essere presi in considerazione ulteriori aspetti a carattere naturalistico».

«Insieme con il Regolamento - ha concluso l'assessore - la Giunta ha approvato la strategia regionale per lo sviluppo dell'energia da fonti rinnovabili 2011/2013, disegnando uno scenario evolutivo nel breve-medio periodo. Anche in questo atto si profila un mix per tutte le tipologie di impianti».