10 dicembre 2019
Aggiornato 01:30
Scalata Antonveneta

Domani a Milano la sentenza per Fazio e Fiorani

Per l'ex Governatore della Bankitalia il Pm aveva chiesto 3 anni

MILANO - Domani i giudici della seconda sezione del Tribunale di Milano emetteranno la sentenza del processo per la fallita scalata alla banca Antonveneta dove tra gli imputati ci sono l'ex governatore di Banca d'Italia Antonio Fazio e l'ex numero uno di Bpi Giampiero Fiorani. I giudici entreranno in camera di consiglio intorno alle 10 dopo aver fatto l'appello delle parti e dopo aver constatato che la procura non replicherà e che quindi non ci saranno controrepliche. Il verdetto dovrebbe arrivare nel primo pomeriggio.

Tre anni di reclusione è la condanna chiesta dal pm Eugenio Fusco per l'ex governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, imputato di aggiotaggio. Richiesta anche la condanna a 100.000 euro di multa. Un anno e tre mesi per Giampiero Fiorani, l'ex numero uno della Banca Popolare di Lodi che tentò la scalata ad Antonveneta: la pena chiesta va considerata in continuazione con i tre anni e 3 mesi che Fiorani ha già patteggiato in relazione ad altre imputazioni. Tre anni è la richiesta per gli ex vertici di Unipol Gianni Consorte e Ivano Sacchetti. Due anni e un mese per il parlamentare del Pdl Luigi Grillo, un anno e 3 mesi per Frasca ex responsabile della vigilanza a Banca d'Italia. La richiesta di pena più alta è di 6 anni e riguarda Francesco Chioldi, l'avvocato responsabile di una serie di fiduciarie e ritenuto il «cassiere» di Fiorani, accusato di associazione per delinquere finalizzata all'appropriazione indebita.