26 gennaio 2020
Aggiornato 14:00
Sciopero di 24 ore

Tirrenia, domani traghetti fermi

Contro l'apertura della procedura di mobilità e di cassa integrazione avviata dal commissario straordinario dell'azienda per 722 marittimi. Manifestazione a Napoli

ROMA - Stop di 24 ore domani di tutti gli addetti, marittimi e amministrativi, di Tirrenia. A proclamare lo sciopero sono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti contro l'apertura della procedura di mobilità e di cassa integrazione avviata dal commissario straordinario dell'azienda per 722 marittimi. Lo sciopero viene proclamato anche «per il rispetto degli impegni assunti dal Governo e dal Commissario straordinario, a tutela dell'occupazione e delle condizioni di lavoro», spiegano i sindacati. Lo stop, nel rispetto delle regole, interesserà i collegamenti dal continente per le isole non garantiti per legge.

A Napoli, è previsto un presidio presso la sede di Rione Sirignano, da dove partirà un corteo che si concluderà con un sit-in piazza del Plebiscito, davanti il palazzo della Prefettura.
Le organizzazioni sindacali di categoria, ritengono «necessario che il Governo ed il commissario straordinario di Tirrenia garantiscano il mantenimento degli attuali collegamenti, l'occupazione e il contratto di lavoro».