18 ottobre 2019
Aggiornato 06:30
Trasporto aereo

British Airways, l'High Court «revoca» lo sciopero di Natale

La magistratura britannica ha riconosciuto che al voto hanno partecipato persone non più dipendenti di Ba, e lo ha invalidato

LONDRA - Centinaia si migliaia di passeggeri British Airways possono tirare il fiato: la High Court della Gran Bretagna ha disposto la revoca di un maxi sciopero del personale di bordo nel periodo a ridosso di Natale e Capodanno. La disposizione è scaturita a seguito di una procedura accelerata innescata dal ricorso dei manager del vettore, che avevano lamentato irregolarità nel voto con era stata decisa l'agitazione. Doveva iniziare il 22 dicembre e proseguire per 12 giorni, coinvolgendo fino a un milione di passeggeri.

Il sindacato Unite dovrà revocare lo sciopero, potrà indire una nuova consultazione tra il personale ma a questo punto non prima di Natale. La magistratura Gb ha riconosciuto che al voto hanno partecipato persone non più dipendenti di Ba, e lo ha invalidato.

Nel frattempo oggi per seconda giornata a Londra sono proseguite le trattative tra sindacati e manager di British Airways, per cercare soluzioni negoziali. Il personale di bordo è sul piede di guerra per una serie di tagli e riorganizzazioni varati dal management, che cerca di intervenire su tutte le voci possibili per risanare i conti in dissesto.

L'agitazione rischiava di costare 30 milioni di sterline al giorno a Ba, mentre ha innescato un crescente caos tra i passeggeri dei voli a rischio che da giorni cercano di trovare collegamenti alternativi su altre compagnie. Nel periodo in questione il vettore opera 650 voli al giorno, trasportando quotidianamente circa 90.000 passeggeri.