19 novembre 2019
Aggiornato 13:30
Reazioni. Occupazione e posto fisso

Nuovi occupati: «Nel 2009 32,2% a tempo indeterminato»

Elaborazione dell'Ufficio Studi della CCIAA di Monza dei dati Excelsior. Sopra la media in Basilicata, Sicilia, Lombardia e Molise

MILANO - Nel settore privato entro la fine del 2009 tra le 781.600 nuove assunzioni previste dalle imprese italiane, il 32,2% riguarderà assunzioni con contratto a tempo indeterminato.

Percentuali sopra la media italiana si registrano in Basilicata, Sicilia, Lombardia e Molise, regioni in cui le assunzioni con contratto a tempo indeterminato raggiungeranno rispettivamente il 50,4%, il 43,3%, il 41,3% e 37,8% sul totale delle assunzioni previste per il 2009.

È quanto emerge da una elaborazione dell'Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Excelsior, Istat, Registro Imprese. Sempre dallo studio emerge poi che In Italia sul totale degli occupati dipendenti circa il 7% è rappresentato da chi può contare su un posto «sicuro» nella Pubblica Amministrazione. Al di sopra della media nazionale, ci sono la Valle d'Aosta (15,9%), Sicilia (12%), Lazio (11,9%) e Sardegna (11,2%).