19 novembre 2019
Aggiornato 19:00
Pubblica Amministrazione

Federconsumatori su Class action P.A.

«Dopo averla ridimensionata nel settore privato ora si intende approvare una Class Action per la Pubblica Amministrazione a costo zero»

ROMA - Già in passato avevamo espresso forti perplessità circa l’efficacia della riforma della Pubblica Amministrazione in termini di qualità dei servizi offerti ai cittadini.
Oggi, con il via libera al Decreto Legislativo che da attuazione alle misure sull’azione collettiva previste dalla riforma della Pubblica Amministrazione, si beffa ancora una volta le aspettative dei cittadini.

Infatti, dopo aver ridimensionato la Class Action nel settore privato, ora si intende approvare una Class Action per la Pubblica Amministrazione a costo zero.
Tale provvedimento, infatti, prevede la possibilità, a partire dal 2010, di fare ricorso contro i disservizi degli enti pubblici e pretendere il ripristino o la corretta erogazione del servizio, ma senza ottenere alcun tipo di risarcimento per i cittadini.

In questo modo si priva di efficacia la Class Action che, nell’ambito della Pubblica Amministrazione, dovrebbe rappresentare uno strumento importante e prezioso di deterrenza nei confronti di tutti i disservizi dello Stato e degli Enti Locali, che spesso provocano danni e ritardi per i cittadini.

Nei fatti, mentre non si fa altro che affermare principi quali trasparenza, valutazione ed efficacia nel funzionamento della Pubblica Amministrazione, si opera in tutt’altra direzione, privando i cittadini della possibilità di intervenire in maniera incisiva sul sistema dei servizi.