1 giugno 2020
Aggiornato 11:30
La Cisl Fp: “Un risultato importante, raggiunto in vigenza di contratto”

Firmato il CCNL dei lavoratori del CNEL

Con il rinnovo aumento medio di 83 euro mensili (di cui 78 euro sul tabellare e 5 euro medie sul salario accessorio)

ROMA - Firmata l’ipotesi si rinnovo contrattuale 2008-2009 dei lavoratori del CNEL, il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro. «Un risultato importante» ha dichiarato Daniela Volpato, segretario nazionale della Cisl Fp, «una firma raggiunta in vigenza di contrato grazie all’azione determinante della Cisl Fp che è riuscita ad ottenere la necessaria approvazione della direttiva del Ministero dell’Istruzione già prima della pausa estiva».

Ai lavoratori andranno a regime un aumento di 78,56 euro medi sul tabellare e 5,10 euro medi sull’indennità di amministrazione. Ma soprattutto, ha spiegato Volpato, «sono confermate le opportunità previste dagli altri rinnovi dei contratti pubblici raggiunte in seguito all’accordo del 30 ottobre 2008: il recupero delle riduzioni del Fua (Fondo unico d’amministrazione) previste dalla legge 133/08 e la possibilità di recuperare economie a seguito di riorganizzazioni e ottimizzazioni dei servizi da finalizzare alla produttività e alla crescita professionale dei lavoratori».

«Bisogna ricordare - ha sottolineato il segretario - che questa è una tornata contrattuale particolarmente complessa, ma nella quale, grazie ad un'azione sindacale decisa e pragmatica, la Cisl Fp è riuscita ad aprire la strada a rinnovi veloci e, in una situazione di grave crisi economica, sensibilmente più cospicui di quelli di molti altri Paesi europei».

«Il CNEL – ha concluso il segretario – è un ente importante nella nostra architettura istituzionale, ma anche per il futuro di tutta la Pubblica Amministrazione visto il ruolo che gli è stato affidato nella legge 15 del 2009 di riordino del sistema pubblico».

Il CNEL è infatti un organo di consulenza delle Camere e del Governo. Ha l'iniziativa legislativa e può contribuire alla elaborazione delle norme economiche e sociali, ha inoltre il compito di raccolta e verifica di tutti i contratti di lavoro privati. E' composto da centoventuno consiglieri: dodici esperti, scelti fra qualificati esponenti della cultura economica, sociale e giuridica; quarantaquattro rappresentanti dei lavoratori dipendenti, del settore pubblico e privato, diciotto rappresentanti del lavoro autonomo, trentasette rappresentanti delle imprese e da dieci rappresentanti delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni del volontariato. Il Presidente è nominato, al di fuori dei componenti, con Decreto del Presidente della Repubblica.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal