16 ottobre 2019
Aggiornato 01:00
Per il ministro le imprese faticheranno a riemergere dalla crisi

Sacconi: «Autunno freddo, a rischio posti di lavoro»

«Governo impegnato a rendere effettivo l'accordo con banche-Abi»

RIMINI - Il prossimo sarà un «autunno freddo» perché le imprese faticheranno a riemergere dalla crisi economica: avranno problemi di liquidità e i rapporti di lavoro «potrebbero essere posti a rischio». Lo dice il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi che, dal Meeting di Comunione e liberazione, ricorda l'impegno del Governo a «rendere effettivo l'accordo governo e banche-Abi».

Posti a rischio - «Purtroppo sarà un autunno freddo - spiega Sacconi nel corso di una conferenza stampa - nel quale, pur avvicinandosi il tempo di uscita dalla crisi, le imprese soffriranno dell'allungamento della crisi stessa e quindi dei problemi di liquidità. Anche i rapporti di lavoro - aggiunge - conseguentemente potrebbero essere posti a rischio».

Ammortizzatori sociali collegati alla formazione - Questa situazione, secondo il ministro «comporta per noi un impegno a rendere effettivo l'accordo governo e banche-Abi e organizzazioni di impresa per la moratoria degli affidamenti da un lato e a continuare a proteggere con gli ammortizzatori sociali il lavoro. In questa occasione inoltre intendiamo porre il tema della formazione cioè di come collegare l'uso di ammortizzatori sociali con una vera e utile attività formativa».