5 dicembre 2019
Aggiornato 20:00
CLASS ACTION

Federconsumatori: ulteriore rinvio della class action

«Felici le imprese italiane che “simpatizzano” per un mercato poco trasparente»

ROMA - «Ancora una volta un intervento che possiamo definire antipopolare, poiché l’eventuale ulteriore proroga di sei mesi dell’entrata in vigore della Class Action prevista dal 1 luglio di quest’anno, significa colpire la parte più debole del mercato e cioè i cittadini consumatori.

Le imprese italiane, gestite dai «sé dicenti» imprenditori, plaudono, e ultimamente lo hanno fatto per altri motivi ed in maniera sguaiata in diverse occasioni, a questa decisione, che permetterebbe loro di rinviare ulteriormente l’entrata in vigore di uno strumento formidabile, nato nella culla del capitalismo, che renderebbe il nostro mercato più chiaro, più trasparente e meno ingannevole.» – dichiara Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori.