13 giugno 2021
Aggiornato 07:30
Crisi economica

Nielsen: fiducia consumatori giù, Europa più pessimista

L'Europa rimane l'area geografica piu' pessimista con 70 punti, sette sotto la media globale

Negli ultimi sei mesi, la fiducia dei consumatori a livello globale è precipitata ad un minimo record, perdendo sette punti, da 84 a 77, secondo il Nielsen Global Consumer Confidence Index, l'indice con cui l'azienda di marketing ha misurato la fiducia dei consumatori in un'indagine condotta ad aprile 2009 in 50 Paesi.

L'Europa rimane l'area geografica più pessimista con 70 punti, sette sotto la media globale, «chiara indicazione - afferma Nielsen - del fatto che la ripresa economica in Europa avrà luogo più lentamente». Secondo l'indagine Nielsen, ammonta al 77% la percentuale media globale dei consumatori online che ritiene che la propria economia sia in recessione, rispetto al 63% di sei mesi fa.

Mentre la fiducia dei consumatori a livello globale precipita ad un nuovo livello minimo, la paura della disoccupazione e l'incertezza del lavoro raggiungono massimi storici. La certezza del lavoro è stata menzionata, infatti, come principale preoccupazione tra i consumatori su internet in 31 dei 50 Paesi oggetto dell'indagine. La preoccupazione globale relativa alla certezza del lavoro è salita al 22% rispetto al 9% rilevato in occasione dell'ultima indagine. «Per la prima volta in questa ricerca, il posto di lavoro è diventato una delle preoccupazioni principali della vita» afferma la Nielsen.

L'incertezza del lavoro rimane una preoccupazione anche per il prossimo futuro. Un consumatore globale su cinque (26%) ha delineato prospettive di lavoro negative per i prossimi 12 mesi rispetto al 17% del mese di ottobre 2008.