22 gennaio 2022
Aggiornato 05:30

Crisi, Venturi: 2009 peggio del 2008

Servono misure concrete per PMI

GENOVA - Parlando alla assemblea Confesercenti di Genova, Marco Venturi, Presidente della Associazione ha dichiarato fra l'altro:«Stiamo puntando verso l'epicentro della crisi economica ma finora registriamo difficoltà crescenti delle imprese, chiusure ma pochi fatti per invertire la congiuntura. anzi per le pmi finora ci sono più discriminazioni che sostegni.

Al Governo abbiamo posto in questi giorni con forza l'esigenza di agire in due direzioni: sull'emergenza ma anche su provvedimenti che accelerino la ripresa. In questo senso è determinante che gli studi di settore non si trasformino in una nuova minimum tax. Sulle imprese ci sono già troppe tasse: non intendiamo pagare su un reddito non prodotto per poi essere costretti a chiudere. Ci chiediamo intanto come sia mai possibile monitorare oltre 200 studi in due soli mesi e quindi avanziamo la richiesta di interventi decisi sugli studi di settore, verifiche solo in caso di scostamento che vada oltre il 30% dell'anno precedente, ed intanto rateizzazione senza interessi per Irpef, Ires, Irap. Irap che deve essere ulteriormente deducibile: è al 10% da Irpef ed Ires, deve arrivare al 30% (fino a 500000 euro di base imponibile).

Sfatiamo questa diceria secondo la quale gli interventi devono essere selettivi: il 2009 sarà una spallata dura per tutte le pmi.
Ma questo non basta e per questo abbiamo proposto al Governo una serie di interventi per preparare la ripresa come ad esempio una esenzione fiscale di due anni per le nuove imprese. Inoltre per rilanciare il turismo - vero volano dell'economia - una detrazione sulle spese per scopi turistici delle famiglie che ricalchi quella del 19% già usata ad esempio per le spese sanitarie.

Ma sopratutto bisogna determinare una grande svolta ed una reazione che ricrei fiducia. Ed in questo senso vanno tagliati con più coraggio i tantissimi sprechi di denaro pubblico ancora oggi presenti e realizzate con rapidità le grandi opere infrastrutturali che servono al paese».