17 giugno 2024
Aggiornato 09:30
Vertenze lavoro

Positivo per la Cisl accordo per reindustrializzazione Ex Filatura di Vitalba

Questo accordo, che da semaforo verde al progetto di riconversione industriale della Adler, rappresenta un sensibile segnale di discontinuità rispetto alla situazione generale del nostro sistema produttivo

È positivo il commento di Nino Falotico all'accordo firmato questa mattina in Regione per la reindustrializzazione della ex Filatura di Vitalba. «Il lungo e faticoso lavoro di sponda tra governo regionale, task force, azienda e sindacati ha permesso di centrare un obiettivo che fino a qualche mese fa pareva oggettivamente irrealizzabile. Questo accordo, che da semaforo verde al progetto di riconversione industriale della Adler, rappresenta un sensibile segnale di discontinuità rispetto alla situazione generale del nostro sistema produttivo.

Oggi non annunciamo la chiusura di un'altra fabbrica o l'ennesimo accordo per la cassa integrazione: oggi la notizia è che più di cinquanta lavoratori riprenderanno a lavorare, spero nel più breve tempo possibile, e che un importante insediamento industriale tornerà, con opportuni investimenti, a produrre ricchezza e lavoro in una delle aree della regione dove più intensi sono stati gli effetti della crisi e più forte il rammarico per le tante occasioni perdute nel processo di industrializzazione post terremoto.

Di particolare rilievo - prosegue il leader della Cisl - è il capitolo dedicato al centro nazionale di ricerca tessile che costituisce un valore aggiunto del progetto di riconversione industriale della Adler. La ricerca che nasce dentro l'impresa e che produce conoscenza e innovazione al servizio della filiera tessile è insieme una necessità e una sfida per competere sui mercati internazionali. Stile e innovazione tecnologia - conclude Falotico - sono gli ingredienti per attrezzare il comparto tessile e continuare a farne uno dei settori di punta dell'industria nazionale«