15 novembre 2019
Aggiornato 18:30
Class action

La class action slitta di altri 6 mesi. Parte a giugno

Il Codacons: «Ennesima truffa a danno dei cittadini. Ora migliaia di cause individuali contro le aziende»

«Non è altro che l’ennesima truffa a danno dei consumatori italiani». Così il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, commenta lo slittamento di altri 6 mesi della legge relativa alla class action.

«Ci avevano promesso non solo che la class action sarebbe stata introdotta in Italia il prossimo 1 gennaio – prosegue Rienzi – ma addirittura che sarebbe stata estesa anche alla Pubblica Amministrazione. Ora si assiste al nuovo rinvio, di fatto una presa in giro per i cittadini che continuano ad essere vessati da imprese ed enti vari».

Il Codacons annuncia un esposto al Tribunale delle Anime contro il Ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, e contro tutti i ministri dell’attuale Governo, per le bugie raccontate ai cittadini italiani in merito alla legge sull’azione collettiva. Non solo. L’associazione farà partire migliaia di cause individuali da parte di singoli utenti contro le aziende, con conseguente rischio di fallimento per le imprese chiamate a risarcire i cittadini.