18 giugno 2024
Aggiornato 00:30
Ponte dell'Immacolata

«In centomila hanno scelto l'agriturismo»

E' quanto stima la Coldiretti per il rientro dal ponte dell'Immacolata durante il quale hanno aperto molte delle diciottomila aziende agrituristiche nazionali

Oltre centomila italiani hanno trascorso un breve periodo di riposo nelle campagne ospiti degli agriturismi. E' quanto stima la Coldiretti per il rientro dal ponte dell'Immacolata durante il quale hanno aperto molte delle diciottomila aziende agrituristiche nazionali. Un risultato, che fa ben sperare per il Natale, favorito - sottolinea la Coldiretti - dalla voglia di tranquillità in un momento di turbolenza economica che spinge gli italiani a privilegiare le vacanze piu’ vicine a casa con una maggiore flessibilità nella programmazione e senza correre peraltro il rischio di essere coinvolti in scioperi ferroviari o aerei.

La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è - sottolinea la Coldiretti - la qualità più apprezzata dagli ospiti degli agriturismi ma aumenta la domanda di servizi innovativi per sportivi, nostalgici e ambientalisti, insieme a questo va crescendo anche in termini numerici l’abbinamento con il turismo d’arte. Sul totale delle aziende agrituristiche - precisa la Coldiretti - 13854 offrono alloggio, 7.898 ristorazione, 2664 degustazioni e ben 9643 altre attività tra le quali prevalgono quelle escursionistiche (986), quelle sportive (831), corsi, osservazioni naturalistiche, equitazione trekking e mountain bike. Tra i clienti non mancano gli stranieri (25%) e i giovani (55%) con età compresa tra i 18 e i 35 anni, proprio grazie ad un notevole miglioramento del settore, che è in grado di offrire servizi diversificati tra loro che attirano non solo gli amanti della buona cucina e della serenità, ma anche escursionisti, nostalgici delle antiche tradizioni, sportivi, creativi e amanti dell'avventura.

Le previsione degli operatori per Natale, che comunque si attendono un «last minute» di rilevante importanza, è per una tenuta sugli arrivi ed anche della durata della permanenza media che, per il periodo natalizio, è di circa 2,5 giorni (quattro giorni per il turismo estero). Anche perché i prezzi sono rimasti sostanzialmente stabili, i tre quarti delle aziende li ha mantenuti uguali allo scorso anno.

La scelta della vacanza in agriturismo - conclude la Coldiretti - avviene soprattutto attraverso internet con il passaparola informatico ma anche grazie alla disponibilità di siti come www.campagnamica.it dove è possibile individuare il posto della vacanza sulla base delle proprie esigenze anche di carattere economico.