19 novembre 2019
Aggiornato 20:30
Energia e tariffe

ADOC chiede riduzione dell’iva al 10% e blocco delle tariffe

Aumenti per luce (+0,8%) e gas (+5,8%), per un ricarico totale di 65 euro annui

L’Autorità per l’energia ha comunicato gli aumenti per le bollette di luce e gas, che scatteranno dal primo ottobre prossimo. Rincaro dello 0,8% per l’energia elettrica, del 5,8% per il gas. L’Adoc chiede il blocco immediato delle tariffe e la riduzione dell’Iva al 10% sul gas.

«I rincari continuano a colpire il settore energetico, è emergenza tariffe – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – questi aumenti vanno ad incidere pesantemente sui bilanci familiari, provocando un’ulteriore riduzione del potere d’acquisto e un aumento del livello di indebitamento. Chiediamo al Governo di intervenire prontamente bloccando le tariffe, come già realizzato nel precedente Governo Berlusconi. Allora la situazione era meno grave, ora è drammatica.

Aumentano i furti nei supermercati, sempre più pensionati rovistano nei cassonetti dei mercati alla fine della giornata. Lo specchio di una grave crisi economica, e una delle ragioni sono i rincari energetici, che contribuiscono anche agli aumenti irresponsabili dei prezzi dei prodotti alimentari. E’ urgente poi, in vista dell’inverno, portare l’Iva sul gas al 10%, senza limiti per i consumi di chi ha la caldaia autonoma o il riscaldamento centralizzato. Al momento la riduzione è applicabile fino ad un massimo di 480 metri cubi annui, per qualsiasi tipo di consumo incluso il riscaldamento, ma non basta per alleviare le spese delle famiglie».