16 dicembre 2019
Aggiornato 03:30
Adesione Consorzio «Bibbiano la Culla»

Ogni azione è utile a valorizzare il Re dei formaggi

La Cia reggiana aderisce al Consorzio “Bibbiano la Culla” che punta a promuovere il Parmigiano-Reggiano partendo da quella che è ritenuta la sua autentica zona d’origine

«Non potevamo mancare a quest’iniziativa, impegnati come siamo in ogni possibile azione utile per la valorizzazione del Parmigiano-Reggiano e di conseguenza per aiutare gli allevatori nostri e soci e non, ad uscire dall’attuale situazione che presenta molti sintomi di crisi».

Ad affermarlo è Ivan Bertolini, presidente provinciale della Cia di Reggio Emilia, nell’annunciare l’adesione dell’Associazione stessa al Consorzio Bibbiano la Culla, promosso dal Comune di Bibbiano –il cui territorio è ritenuto la sede originaria del formaggio Parmigiano-Reggiano in quanto a questa zona si riferiscono alcuni dei più antichi documenti conosciuti in materia, che parlano del formaggio grana prodotto in aziende di pertinenza di un convento di monaci benedettini- che si pensa essere appunto la «culla» del Parmigiano-Reggiano.

Questo Consorzio, costituito da aziende bibbianesi, vuole promuovere, tutelare, valorizzare, migliorare ed estendere la produzione, il commercio e l’immagine del formaggio tipico lavorato e trasformato da aziende operanti nel territorio di questo Comune.
«Particolarmente in questo momento –afferma Bertolini-, che vede gli allevatori della zona alle prese con decisioni importanti sul futuro della produzione casearia di qualità, ogni azione è utile e benvenuta al fine di valorizzare il nostro più tipico prodotto».