21 ottobre 2021
Aggiornato 23:30
Soddisfazione della Fisascat Cisl

Rinnovo dei ccnl dei settori terziario, turismo e servizi

Sono 23 i contratti nazionali rinnovati negli ultimi 18 mesi, con oltre sei milioni di addetti

Il sindacato del terziario, turismo e servizi della Cisl, rileva che negli ultimi dodici mesi sono stati rinnovati 21 contratti nazionali di lavoro (di cui ben otto negli ultimi 15 giorni) che hanno visto, pur in diversi scenari, coinvolti più di cinque milioni di lavoratori, occupati nei vari settori di competenza della Fisascat Cisl. Sono 23 i contratti nazionali rinnovati negli ultimi 18 mesi, con oltre sei milioni di addetti.

Il segretario generale della Fisascat Cisl Pierangelo Raineri, commentando in particolare gli ultimi rinnovi ha evidenziato che «E' stato premiato il grande impegno del sindacato del terziario che ora si prepara, insieme alle confederazione Cisl ad affrontare il nuovo scenario della riforma dei contratti, attraverso il quale occorrerà rilanciare soprattutto la contrattazionedi 2° livello aziendale e territoriale».

«Una stagione che ha visto rinnovare i contratti più importanti della categoria - ha aggiunto Raineri - da quello del turismo rinnovato lo scorso anno a quello del terziario, appena rinnovato, al momento, senza la firma della Filcams Cgil, a quelli più recenti delle cooperative sociali, degli studi professionali, delle farmacie e della distribuzione cooperativa. A questi vanno aggiunti gli importanti settori delle Guardie Giurate e delle Colf e Badanti rinnovati recentemente».

«Il settore del terziario privato - ha concluso Raineri - si conferma così come la più rilevante realtà occupazionale del nostro Paese e aver rinnovato i contratti significa aver fatto avanzare le conquiste economiche e normative di molti lavoratori e lavoratrici occupati nei diversi segmenti che compongono i vari comparti» .