16 ottobre 2021
Aggiornato 05:00
Possibili effetti anche sui prezzi al consumo

Confcommercio su prezzi alla produzione: «Ancora lontano il rientro dall’inflazione»

«Confermate tutte le preoccupazioni sullo stato di salute della nostra economia»

Confermate tutte le preoccupazioni sullo stato di salute della nostra economia che, anche per il problema inflazione, non mostra segnali di ripresa almeno nel breve periodo: questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio ai dati relativi all’andamento dei prezzi alla produzione nel mese di giugno.

Le dinamiche che si registrano ormai da mesi dal lato dei prezzi industriali, per i beni di consumo (+4,4% a giugno rispetto all’analogo mese dello scorso anno) e per l’energia (+23,8%), portano a ritenere che non ci siano margini per un significativo rientro dell’inflazione nei prossimi mesi e soprattutto non si possono escludere effetti di trascinamento sui prezzi al consumo.

Ciò è particolarmente vero per la componente relativa agli alimentari (che da febbraio scontano variazioni tendenziali superiori al 10%) e per le benzine (per i petroliferi raffinati l’aumento è del 32,4%).