16 ottobre 2021
Aggiornato 04:30
Rinnovi CCNL

Accordo 25 luglio 2008 di rinnovo del CCNL delle imprese della distribuzione cooperativa

Novità su Apprendistato, orario di lavoro, flessibilità dell’orario e part-Time, contratti a termine, piccole cooperative, appalti, terziarizzazioni, diritti di informazione, inquadramento, minimi retributivi

Le Associazioni del mondo cooperativo (ANCC, ANCD, Confcooperative e AGCI), e le Segreterie Nazionali Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e UILTuCS-UIL hanno firmato in data 25 luglio 2008 l’ipotesi di accordo per il rinnovo CCNL della Distribuzione Cooperativa.

Apprendistato - La novità riguarda l’allungamento di 6 mesi del periodo di apprendistato ma ai soli fini della formazione. Dunque v iene allungata di 6 mesi, ai soli fini della formazione, la durata del periodo di apprendistato rimanendo inalterati tutti i diritti e le condizioni economiche degli apprendisti. Gli stessi continueranno, infatti, a maturare al passaggio di livello intermedio dopo 18 mesi per il 5° livello e 24 per gli altri livelli ; inoltre il conseguimento della retribuzione del livello finale che scatterà rispettivamente (come prima) al 36°e al 48° mese. Le aziende inoltre 12 mesi prima della scadenza complessiva comunicheranno al lavoratore interessato lo stato del suo percorso formativo.
Viene elevata la percentuale di conferma al 90% e introdotto il contributo per la previdenza integrativa all’ 1,55 , a carico delle aziende, a partire dall’1-08-2008 ed estesa anche agli apprendisti l’assistenza integrativa.

Riposo giornaliero - in riferimento alla deroga delle 11 ore prevista dalla legge, nel contratto nazionale è stato introdotto soltanto il caso del cambio turno, in attesa che si faccia la contrattazione aziendale alla quale è demandata la possibilità di stabilire modalità di fruizione diverse ma tenendo comunque presente un riposo minimo di almeno 9 ore.

Flessibilità dell’orario (42 ore per 24 settimane) - Per realizzare la flessibilità dovrà essere effettuato un confronto a livello aziendale o territoriale.
Per migliorare l’efficienza aziendale deve essere anche si dovrà tener conto di aumentare l’occupazione, incrementare gli orari dei part-time nonché di cercare trasformare i part-time in full time.

Part-Time - E’ confermato l’aumento dell’orario minimo da 18 a 20 ore.
E’ stata anche stabilito che tutti i lavoratori passino a 20 ore entro 18 mesi dalla firma del contratto ed il piano di realizzazione deve essere oggetto di confronto con le RSU/RSA.
E’ stato inoltre introdotta la normativa di verifica semestrale della quantità di orario supplementare effettuato dai part-time al fine di arrivare a stabilizzare gli orari.

Contratti a termine - Dopo 36 mesi i lavoratori dovranno essere assunti a tempo indeterminato e soltanto in caso di difficoltà organizzative possono essere effettuati accordi a livello aziendale o territoriale per una ulteriore proroga.
Il periodo di prova inoltre non verrà più richiesto dopo 2 contratti a termine svolti nell’arco di 2 anni per le stesse mansioni.
E’ stata poi introdotta una verifica semestrale sulle percentuali di contratto a termine utilizzate dalle aziende.

Piccole cooperative - La normativa riguarda «imprese cooperative minori e non unità minori di grandi cooperative»; viene definito il numero massimo di 200 equivalenti full time, ma le varianti introdotte riguardano articolazioni diverse della flessibilità confermando il rispetto di tutti i diritti contrattuali.

Appalti Terziarizzazioni - Sono stati acquisiti punti importanti che riguardano le informazioni preventive e le garanzie per i lavoratori interessati (durc, applicazione dei contratti firmati dalle Organizzazioni CGIL, Cisl, Uil e di categoria) sia per quanto riguarda appalti, esternalizzazioni e terziarizzazioni.

Diritti di informazione - Sono stati integrati ai vari livelli sui progetti di responsabilità sociale dell’impresa e livello aziendale sulle tipologie di assunzioni.

Inquadramento - E’ stata definita una commissione che dovrà esaminare e concludere i lavori entro giugno 2009 per quanto riguarda i nuovi profili (in primis i farmacisti ed altre figure mancanti).
Quadri
E’stata rafforzata l’assistenza sanitaria da gennaio 2009 portando il contributo dell’Azienda a 1000¤ e il contributo del lavoratore a 100¤.
Inoltre dal 1 luglio 2008 l’indennità di funzione è incrementata di 70¤ assorbibile per il 50%

Minimi retributivi - E’ stato previsto un Incremento a regime di 150 ¤ con riferimento al 4° livello così ripartito:
1-09-2008 = 56¤,
1-12-2008 = 76¤,
1-09-2009 = 110¤,
1-03-2010 = 130¤,
1-09-2010 = 150¤.

Una Tantum - Le aziende della distribuzione cooperativa avendo erogato 50 ¤ dall’1-01-2008 non devono corrispondere la una tantum per gli di arretrati, nel montante complessivo pari a 4.005 ¤ comprensivi di 121,84¤ erogati come IVC nel 2007.

Accordo 25 luglio 2008 di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da imprese della distribuzione cooperativa