24 maggio 2022
Aggiornato 05:00
Sanità

Il 25 gennaio sciopero dei medici e veterinari, l'Asl di Biella: «Servizi non urgenti non garantiti»

Ventiquattro ore di stop: lo sciopero è stato indetto dalle principali organizzazioni sindacali nazionali. Ecco cosa comporterà

BIELLA - I medici e i veterinari si fermano per 24 ore. Venerdì 25 gennaio 2019 è stato proclamato uno sciopero generale dai principali sindacati delle categorie. L'Asl di Biella spiega: «In tale giornata potrebbero non essere garantite, presso l'ASL BI di Biella, le prestazioni che non rivestono carattere di urgenza».

Lo sciopero

Lo sciopero nazionale di 24 ore, indetto da Anaao Assomed, Cimo, Fp, Cgil Medici e Dirigenti San, Fmv Federazione Veterinari e Medici, Fassid, Cisl Medici, Fesmed, Anpo-Ascoi-Fials Medici, Coordinamento Nazionale delle aree contrattuali Medica Veterinaria Sanitaria Uil Flp,  è stato proclamato per protestare contro, tra l’altro, l’insufficienza del finanziamento previsto per il FSN 2019, in relazione alla garanzia dei Lea vecchi e nuovi ed alla copertura dei costi del rinnovo del CCNL 2016-2018 nonché per i ritardi nei processi di stabilizzazione del precariato del settore sanitario.

Chi aderisce

Vi aderiscono il personale della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa del Servizio Sanitario Nazionale, degli Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico (IRCCS), degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IZS), delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA) e delle Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Nazionale, compresi quelli delle strutture anche di carattere privato e/o religioso che intrattengono un rapporto di convenzione e/o accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale nonché i medici in formazione.