Morto Karar Nushi

Ucciso il Brad Pitt iracheno: era troppo occidentale

Assassinato brutalmente l’attore e modello ribattezzato come il «Brad Pitt Iracheno». Sarebbe stato ucciso da un gruppo di islamici, forse seguaci dell’Isis

Karar Nushi in una foto tratta dal suo profilo facebook. Il corpo dell'uomo e' ritrovato morto mutilato e abbandonato in un'affollata strada di Baghdad.
Karar Nushi in una foto tratta dal suo profilo facebook. Il corpo dell'uomo e' ritrovato morto mutilato e abbandonato in un'affollata strada di Baghdad. (ANSA)

Era un giovane attore e modello, originario di Baghdad, recentemente ribattezzato come il Brad Pitt Iracheno. Aveva una vita di successi davanti a sé, ma Karar Nushi – questo il suo nome – è stato ucciso in maniera barbara solo perché faceva una vita troppo occidentale. Un ragazzo che, in un paese come l’Iraq non passava di certo inosservato. Vestiva un po’ come noi, indossava abiti attillati e teneva i capelli lunghi e biondissimi. L’omicidio è stato commesso alcuni giorni fa a Palestine Street, a nord di Baghdad. Ma pare che il corpo sia stato trovato solo ieri, in seguito alla denuncia di alcuni familiari. Sotto accusa un gruppo islamista – forse legato all’Isis. La sua unica colpa è stata quella di voler vivere come una persona occidentale.

Minacce precedenti
Karar veniva minacciato da tempo da gruppi per lo più sconosciuti. La gente del posto pareva non apprezzare il suo modo di vivere e vestirsi. Ma non solo: pare che alcuni fondamentalisti ritenessero che aveva persino atteggiamenti omosessuali. Di questo però non sembra esserci certezza. Anzi, pare che l’omosessualità sia stata una scusa come le altre per poter fargli del male. Quello che è certo è che non sembrava un iracheno ma un occidentale e così è stato trattato.

Una morte barbara
Ciò che ha lasciato molta gente a bocca aperta è stato il modo in cui è stato ucciso. Prima della sua morte, pare infatti che il povero Karar sia stato abilmente torturato. Tale supposizione è avvalorata da tutte le ferite che recava in ogni parte del corpo. È persino stato mutilato perché sospettato di essere omosessuale. Un fatto, questo, abbastanza tipico per i gruppi islamici che uccidono gli iracheni senza pietà in caso di sospetta omosessualità.

Chi era Karar Nushi
Era uno studente dell’Università di Baghdad di Arte e Spettacolo. Da alcuni anni era divenuto famoso grazie alle sue abilità di recitazione: era attore di teatro e di alcune serie tv. Da meno tempo faceva il modello diffondendo la sua immagine grazie a Facebook. Recentemente, proprio sul social network, aveva postato delle immagini che riproducevano i retroscena di uno degli spettacoli andati in onda nella capitale. In questo interpretava un personaggio femminile dai capelli ricci e biondi. Probabilmente l’episodio ha scatenato l’ira dei gruppi islamici che dal 2003 sembrano darsi tanta pena per uccidere le persone che ritengono essere omosessuali.

Ma gli amici lo rispettavano
D’altro canto seguaci e amici rispettavano l’attore, tant’è vero che proprio su Facebook si legge in un commento: «Noi lo ricordiamo sorridente. Non avrebbe ma fatto del male a qualcuno. Anche se non approvavamo come si comportava, lo rispettavamo sempre. E lo rispettiamo anche ora che è morto».