28 settembre 2020
Aggiornato 21:30
Bellezza

Maschere di luce, il nuovo modo di ringiovanire naturalmente

Rosso, blu o verde. Ecco i colori che eliminano rughe, acne e pelle ipotonica

Cosa sarebbe disposta a fare una donna per ringiovanire? Probabilmente (quasi) tutto. Per fortuna però, negli ultimi anni l’estetica chirurgica – e non – ha fatto passi da gigante. E così che si riesce a ridurre rughe, pelle lassa e colorito non uniforme in modo veloce, indolore e a costi ridotti. È per esempio il caso delle iniezioni di acido ialuronico o dei fili di trazione. Ma pochi conoscono le maschere di luce o LED Mask, un trattamento «alternativo» naturale ed efficace.

Visi più giovani grazie alla luce
Il metodo ha fatto capolinea nel nostro Paese da poco tempo, ma all’estero sono più che un successo: una vera e propria moda. Il trattamento è molto semplici: il viso viene irradiato di luci di differenti colori – a seconda del problema – in questo modo i fotoni agiscono fin negli strati più profondi favorendo la rigenerazione cellulare.

È una questione di lunghezze d’onda
Lo sappiamo tutti perché lo abbiamo studiato a scuola. Ciò che noi percepiamo come colore, è in realtà un’onda elettromagnetica che fa parte dello spettro visibile. L’occhio umano può percepire solo quelle che vanno dai 400 ai 700 nm (spettro visibile). Ogni colore, poi, possiede una specifica lunghezza d’onda. Indicativamente, possiamo dire che il violetto ha una lunghezza d’onda di 400 nanometri (nm), mentre il blu indaco di 430; il blu «classico» 466-480; il verde circa 530 nm; il giallo 580 e il rosso 635-700. Ovviamente tra una lunghezza d’onda e l’altra vi è la miscelazione di un colore con l’altro. Per esempio, tra il giallo e il rosso vi è l’arancio. Ognuna di queste lunghezze d’onda possiede proprietà specifiche e peculiarità ben definite che agiscono sulla nostra pelle.

Scegli la luce più adatta alla tua pelle
Come abbiamo visto ogni lunghezza d’onda – perciò ogni colore – possiede virtù differenti. Quella blu, per esempio, arriva decisamente meno in profondità di quella rossa ma è un eccezionale antibatterico utile per la pelle acneica. In più, svolge un’azione antinfiammatoria utile in caso di dermatiti, pelle irritata e couperose. La rossa, invece, è fortemente penetrante tonificante, antirughe e antinvecchiamento. Stimola il derma a produrre più elastina, collagene e riduce le piccole cicatrici. Il verde, invece, è ottimo per il colorito non uniforme, per la lassità dei tessuti e per riportare equilibrio nella pelle che è a tratti grassi e a tratti secca.

  • Approfondimento: una ricerca conferma le virtù della luce
    Una ricerca presentata all’European Accademy of Dermatology and Venereology è riuscita a dimostrare come le luci a LED a determinate frequenze sono in grado di indurre fibroplasia (formazione di tessuto fibroso) a livello dei fibroblasti (specie con luce a 630 nm). Inoltre rigenera la cute e aumenta la produzione di cellule T. Si è anche potuto evidenziare come la terapia LED possa essere utile in caso di riparazione dei tessuti nella fase post-chirurgica rigenerando i tessuti molto più velocemente e senza alcun dolore.
     

Puoi provare anche con quelle casalinghe
Se non vuoi o non puoi spendere troppo denaro presso un centro estetico, puoi acquistare delle maschere che emettono fotoni. La più conosciuta è illumask. Non emette raggi UV, è approvata dall’FDA e si trova in commercio anche su Internet a un prezzo veramente irrisorio: 15 dollari. La maschera emette sia luce blu che rossa. Se si vogliono tutti i colori, esistono in commercio anche maschere decisamente più costose, intorno ai 130 dollari, rintracciabili sempre online con il nome di Photerapy Mask.