26 settembre 2020
Aggiornato 17:30
8 marzo: festa della donna

Donna: oggi è la tua festa. Scopri perché.

Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sulla festa della donna

8 marzo. Stamattina ogni donna, al proprio risveglio – o poco dopo – avrà ricevuto gli auguri. Ma perché si celebra la giornata della donna proprio l’8 marzo? Forse non sapevi che un tempo la data era completamente diversa. Scopri tutte le curiosità che riguardano la TUA festa.

Tutto nasce dal diritto di voto
Si può dire che la nascita della festa della donna inizia più di un secolo fa, quando il Partito Socialista Americano decise di organizzare una manifestazione insolita: finalmente si parlava del diritto di voto per le donne. Era il 28 febbraio del 1909. Ma perché il diritto diventasse realtà negli Stati Uniti, si dovette attendere ancora undici anni.

Una festa estesa in tutto il mondo
Oggi, non si tratta più di una manifestazione tipica americana. Tutto il mondo celebra la Giornata Internazionale della donna. Ma il passaggio non è stato affatto immediato; anzi, è stato lento e graduale. Nel 1910, infatti, si parlò di istituire una festa ufficiale. Questa volta ci troviamo a Copenaghen, ma solo un anno dopo già si festeggiava nella più moderna Svizzera, e anche in Germania e Danimarca. Non era ancora l’8 marzo, però, ma il 19.

Il primo 8 marzo dedicato alle donne
Per arrivare alla fatidica data, bisogna attendere il 1914. Non si tratta, però, di un giorno premeditato: era stato scelto solo perché era di domenica. Il giorno, infatti si ripeté nel 1917, quando le donne di San Pietroburgo protestarono in occasione della guerra. E le loro proteste furono accolte: pochi giorno dopo, infatti, lo Zar abdicò e le donne ebbero il diritto di voto. Il primo vero 8 marzo delle donne? Più o meno, perché se si considera il calendario Giuliano era il 23 febbraio.

Finalmente anche l’Italia festeggia la donna
Fu necessario attendere ancora tanti anni perché la festa della donna arrivi anche in Italia. L’anno internazionale delle donne, infatti, arrivò solo quando le Nazioni Unite chiesero a tutti gli Stati associati di festeggiare l’8 marzo.

E l’incendio di cui tutti parlano?
Tutte le donne ricordano l’incendio avvenuto l’8 marzo del 1908 in cui sono morte molte operaie di una fabbrica. Lo ricordano davvero, le donne? Probabilmente no, ripetono solo ciò che viene detto comunemente. Questo per un semplice motivo: non esiste alcun incendio in una fabbrica, a New York, nel 1908. Un evento simile accadde nel 1911, ma la data non quadra: stiamo parlando del 25 marzo.

Perché si regala la mimosa?
Prima di tutto va detto che l’idea della mimosa è tipicamente italiana. Sembra che la sua origine avvenne nel 1946, quando l’UDI – l’unione donne italiane – scelse di abbinare la mimosa alla festa della donna. Il motivo sembra essere dovuto prima di tutto alla stagionalità e, secondo, perché è ritenuto un fiore non troppo costoso. Forse perché ancora non conoscevano il business che ne sarebbe seguito.

Curiosità dal resto del mondo
Non tutto il mondo è «mimosa». In Perù, per esempio, vengono organizzate feste per le donne, dove gli uomini non sono ammessi. Mentre in Ecuador si festeggia in un parco interamente dedicato all’universo femminile: El Parque de las Mujeres. Infine, un’ultima curiosità: In Honduras la festa della donna è il 25 gennaio.