20 febbraio 2020
Aggiornato 20:00
Beni culturali

Franceschini: «La Reggia di Carditello rinascerà»

Il Ministro: «Sarà siglato entro giugno l'accordo tra Mibact, Regione Campania e Comune di San Tammaro che segnerà l'avvio del progetto di valorizzazione ed accoglienza della Reggia di Carditello»

ROMA (askanews) - «Sarà siglato entro giugno l'accordo tra Mibact, Regione Campania e Comune di San Tammaro che segnerà l'avvio del progetto di valorizzazione ed accoglienza della Reggia di Carditello». Lo comunica il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini al termine di una riunione sul futuro del Real Sito di Carditello che si è tenuta questa mattina al Collegio Romano e che, oltre al Ministro Franceschini, ha visto la partecipazione del Segretario generale e del Direttore generale Musei del Mibact, Antonella Recchia e Ugo Soragni, dell'Assessore al Turismo della Regione Campania, Pasquale Sommese, del Sindaco di San Tammaro, Emiddio Cimmino, dell'ex ministro Massimo Bray e dei rappresentanti di Agenda 21, il coordinamento delle associazioni che da anni si stanno battendo per salvare la Reggia di Carditello.

L'accordo - hanno condiviso tutti i partecipanti - servirà a definire gli obiettivi comuni di valorizzazione e sarà il primo passo di un percorso che porterà alla restituzione della Reggia al territorio. Seguirà una fase programmatoria, nella quale si elaboreranno i piani strategici di sviluppo culturale e si definiranno i compiti della Fondazione Carditello a cui sarà affidata la messa in atto delle attività di valorizzazione.

«Quella di oggi - ha commentato il ministro Franceschini - è stata una riunione molto importante perché siamo finalmente passati dalle parole ai fatti e abbiamo individuato un percorso preciso che porterà alla rinascita della Reggia di Carditello in continuità con il lavoro fatto nel passato dal ministro Bray».