24 giugno 2021
Aggiornato 01:00
Gossip

La rete «massacra» Gwyneth Paltrow

L'attrice ha aderito alla campagna di sensibilizzazione contro la fame lanciata dalla ong di New York "Food bank" e coordinata dallo chef Mario Batali. Ma il cibo scelto sembra quello di una dieta.

NEW YORK - «Verdure, uova, fagioli, cereali e poca frutta» tutto questo, scrive Gwyneth Paltrow su Twitter, è quello che è riuscita ad acquistare con 29 dollari in una settimana. L'attrice ha aderito alla campagna di sensibilizzazione contro la fame lanciata dalla ong di New York «Food bank» e coordinata dallo chef Mario Batali. L'obiettivo è vivere una settimana con 29 dollari, vale a dire il sussidio in buoni pasto versato dal governo alle persone a basso reddito.

Secondo «Food bank» il Congresso degli Stati Uniti avrebbe tagliato l'importo dei buoni pasto per due volte dal 2013 aumentando il numero di persone costrette a rivolgersi alle organizzazioni caritatevoli. L'intento della Paltrow è stato però un boomerang. Sul suo blog «Goop» la Paltrow ha scritto di aver acquistato «12 uova, fagioli neri, riso integrale, cavoli, piselli, aglio, avocado, un pomodoro, una cipolla, tortillas, peperoncino, lattuga, mais, coriandolo, una patata dolce e 7 limes». Il che ha fatto pensare alla rete più a una dieta che a cibo per vivere per una settimana.

L'attrice è stata perciò massacrata anche perché solo pochi giorni prima aveva consigliato ad amiche e fan di farsi dare una vaporizzata alla vulva, cosa utilissima secondo lei per ritrovare se stesse e igienizzarsi a fondo. Cosa contestatissima da molti ginecologi. E così in molti le hanno proposto di dare qualcosa ai poveri più che occuparsi di dare consigli su cosa acquistare con 29 dollari.