27 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Turismo del Vino

Montalcino: grandi vini e relax a Le Ragnaie

Poco fuori dal centro del Borgo vinicolo italiano più famoso al mondo, nell'agriturismo e azienda agricola Le Ragnaie, uno degli ultimi arrivati tra i produttori di Brunello di Montalcino, ma presto affermatosi, in Italia come all'Estero.

MONTALCINO - C'è luce al Passo del Lume spento. Poco sopra Montalcino, una paio di chilometri di curve in salita prima di scorgere l'elegante casa di campagna che anticipa il gruppo di edifici rurali che ospitano sia l'Agriturismo che le cantine Le Ragnaie di Riccardo Campinoti, uno degli ultimi arrivati tra i produttori di Brunello di Montalcino, ma presto affermatosi, in Italia come all'Estero.

Vigneti a 600 metri s.l.m. a Le Ragnaie
Vigneti a 600 metri s.l.m. a Le Ragnaie ()

CAMERE VISTA MARE - Sembra impossibile, ma da alcune finestre delle camere posizionate al piano alto, nelle mattinate più nitide si può scorgere il mare, e se la visibilità è particolarmente favorevole, persino l'Isola del Giglio apparirà tra le dolci colline, facendo intuire che clima particolare c'è in questa zona, dominato da una parte dal Monte Amiata e dall'altro da correnti d'aria marittime.

Riccardo Campinoti, proprietario dell'azienda agricola e agriturismo Le Ragnaie
Riccardo Campinoti, proprietario dell'azienda agricola e agriturismo Le Ragnaie ()

COLAZIONE A LE RAGNAIE - Dopo il pernottamento e una boccata d'aria presa passeggiando tra le vigne posizionate più in alto nella proprietà, un momento importante della giornata andrà individuato sicuramente nell'appuntamento con una prima colazione da ricordare. Altro che cappuccino e brioche, altro che succo d'arancia e caffè, qui non si scherza con questo momento fondamentale della giornata.

L'etichetta del Brunello di Montalcino 2005
L'etichetta del Brunello di Montalcino 2005 ()

DEGUSTAZIONE VINI - L'intero portafoglio di vigne dell'azienda di Riccardo e Jennifer (la moglie è americana), si estende su 28 ettari divisi in tre parti ben distinte della denominazione: La Ragnaie, Petroso e Castelnuovo dell'Abate. I vini ricavati, sono degustabili ovviamente in loco, e magari, organizzandosi per tempo, sarà anche possibile fare, come si dice in gergo, una "verticale" delle ultime annate imbottigliate di Brunello di Montalcino e di Rosso di Montalcino, il secondo, notoriamente più beverino perché non necessita di lungo affinamento in botte o in bottiglia.

Dettaglio della camera numero 3 dell'agriturismo
Dettaglio della camera numero 3 dell'agriturismo ()

WEEK END A MONTALCINO - Cosa fare un intero week end a Montalcino. Beh, intanto a Le Ragnaie non manca neppure una bella piscina dove trascorrere del tempo senza far nulla se non prendere il sole, fare un bagno o bere a bordo vasca un bicchiere di rosato «confidenziale», insieme ad un assaggio di pecorino di Pienza. Oltre a questo, il Borgo di Montalcino, perfettamente conservato, sarà la prima meta in ordine di distanza, da visitare in lungo e in largo; ma oltre a Montalcino, nel tempo di un'ora di macchina si arriva ad altre mete di interesse turistico assoluto come il comprensorio del Monte Amiata, oppure, più vicino a Le Ragnaie, all'Abbazia di Sant'Antimo, per un momento di riflessione e di meditazione in un contesto unico, non dimenticando che anche Siena non è più distante di una quarantina di chilometri.

L'isola del Giglio, dalla finestra di una delle camere al piano superiore
L'isola del Giglio, dalla finestra di una delle camere al piano superiore ()