27 novembre 2020
Aggiornato 18:30
Musica italiana

Nina Zilli: Io, l'antitesi dei talent show

La cantante a pochi giorni da Sanremo: Ho detto no a «X-Factor» per un posto in giuria. Questi sono programmi fatti bene, i ragazzi sono bravi. Però, se non sai come muoverti, come vestirti, come cantare, forse è meglio se vai a fare il karaoke!

MILANO - Nina Zilli è una cantante che, come si suol dire, s'è fatta da sola. Anni di gavetta, dal coro della chiesa al primo concerto a soli 11 anni, fino all'attuale celebrità. Un salita ardua, in un'epoca dove è sufficiente uscire da un talent show per essere già in cima alle vendite. Eppure, lo staff di X-Factor aveva pensato proprio a lei per un posto in giuria: «Mi hanno proposto di fare il giudice - ha dichiarato l'artista piacentina in un'intervista esclusiva a Max - ma ovviamente si sono beccati un no grande come una casa».
«Ma come gli è venuto in mente di proporlo proprio a me - ha aggiunto - che sono l'antitesi del talent? Questi sono programmi fatti bene, i ragazzi sono bravi. Però, se non sai come muoverti, come vestirti, come cantare, forse è meglio se vai a fare il karaoke! La parola talento mi ha proprio nauseato».

Un 2012 pieno d'impegni - Nina, all'anagrafe Maria Chiara Fraschetta, ha un'agenda 2012 piena d'impegni. Tra pochi giorni parteciperà a Sanremo con la canzone «Per sempre», che anticipa l'uscita del suo secondo album «L'amore è femmina». Tra le tracce del cd il brano «Un'altra estate», scritto in collaborazione con Carmen Consoli. «Carmen io l'ho sempre amata - ha rivelato la Zilli - ho visto almeno 15 suoi concerti. Secondo me è l'ultima cantante donna degna di nota che abbiamo avuto in Italia».
A marzo, inoltre, è prevista la sua partecipazione allo show di Panariello, quattro serate su Canale5. «Mi ha chiamata e in puro toscano mi ha detto: Vorrei che tu facessi Mina!. Ancora non so come sarà il programma - ha concluso Nina - ma l'idea di avere un'intera orchestra a mia disposizione mi elettrizza. E se Mina mi sente e non le piace la mia interpretazione? Me la sto facendo già sotto».