1 marzo 2024
Aggiornato 06:30
Lutto nel mondo della musica

Amy Winehouse trovata morta nella sua casa di Londra

Da chiarire le circostanze della morte, si sospetta un'overdose

LONDRA - La cantante Amy Winehouse è stata trovata morta nella sua casa di Londra. Sarebbe morta a causa di un'overdose. 27 anni, da anni combatteva con problemi di alcool e droga. Aveva da poco terminato una cura di disintossicazione, prima di tentare il ritorno sul palco.

Il suo album d'esordio, Frank, e dell'ottobre 2003. Il successo e immediato: un milione e mezzo di copie vendute e due dischi di platino. Nulla, pero, in confronto al boom planetario di Back to Black, il secondo lavoro pubblicato dalla Winehouse nell'ottobre 2006. A lanciarlo è il singolo Rehab che diventa un tormentone mondiale e nel 2008 regala a Amy Winehouse tre Grammy Awards nelle categorie Record of the year, Song of the year e Best female pop vocal performance. A questi se ne aggiungono altri due: uno nella categoria Best New Artist e uno per l'album Black to Black nella categoria Best pop vocal album.

Back to Black rimarrà l'ultimo album di Amy Winehouse. Dal 2006 in poi la sua carriera e la sua vita privata sono costellate di successi, ma anche e soprattutto di eventi traumatici: il concerto a Londra ad Hyde Park in occasione dei 90 anni di Nelson Mandela (2008), il divorzio dal marito e l'intervento di chirurgia estetica per aumentarsi di una taglia il seno (2009). Fino alle sue ultime due apparizioni pubbliche. Quella disastrosa dello scorso 18 giugno a Belgrado, con un concerto interrotto dopo pochi minuti a causa della sua evidente ubriachezza. E quella a sorpresa di tre giorni fa (il 20 luglio) nella sua Londra in occasione dell'iTunes Festival.