28 febbraio 2020
Aggiornato 07:00
Wrc

Altro che ritiro: il campione difenderà il suo titolo mondiale

Lo avevano dato per appagato, dopo aver raggiunto il secondo posto tra i più vincenti di tutti i tempi, dietro all'inarrivabile Loeb. Invece, Sebastien Ogier ha rinnovato con la Ford anche per il 2018

ROMA – Ha vinto cinque titoli mondiali consecutivi, e secondo qualcuno poteva averne abbastanza: salito ormai al secondo posto dei più vincenti di tutti i tempi nella storia dei rally, alle spalle degli inarrivabili nove trionfi del suo connazionale e omonimo Sebastien Loeb, l'iridato in carica Sebastien Ogier veniva dato da molti come prossimo al ritiro, seguendo proprio le orme del suo predecessore. Ma questa voce è stata smentita oggi, e nel modo più drastico possibile: ufficializzando il rinnovo del fuoriclasse 33enne con la Ford, la squadra in cui aveva trovato ospitalità dopo il ritiro della Volkswagen, a inizio 2017.

Ci riprova
Il pilota di Gap, insieme al suo fido navigatore Julien Ingrassia, difenderanno dunque il campionato con la certezza di potersela giocare ancora una volta: «Questa stagione è stata molto emozionante, una delle più combattute da molti anni a questa parte – ha ammesso Ogier – E, come pilota, non voglio farmi sfuggire la prossima. Questo sport è capace ancora di emozionarmi molto, e questo team è particolarmente appassionato. Partendo da queste considerazioni, la mia decisione è stata chiara: lavoreremo sodo per inseguire altri successi insieme il prossimo anno». Al suo fianco è stato scelto il sorprendente giovane Elfyn Evans, esploso quest'anno passando dal 21° al 5° posto in classifica generale, con tanto di vittoria assoluta nel suo rally di casa in Galles. A supervisionare la scuderia sarà sempre lo storico team principal Malcolm Wilson, che nell'ultimo campionato è stato capace di riportare alla casa dell'Ovale blu anche il titolo costruttori.