28 febbraio 2020
Aggiornato 04:00
Atletica

Bolt presto papà: «Nascerà un re o una regina»

Il 33enne giamaicano ha postato la foto della fidanzata Kasi Bennett che posa in dolce attesa. L'esordio stagionale nel salto in lungo di Larissa Iapichino è in programma in Germania

Usain Bolt
Usain Bolt ANSA

MILANO - Usain Bolt sta per diventare papà. I trentatreenne sprinter giamaicano ha annunciato sui social che avrà presto il suo primo figlio: «Voglio dirvi che sta per arrivare un re o una regina...». Bolt ha postato la foto della fidanzata Kasi Bennett che posa in dolce attesa con un abito rosso fuoco. Prima dell'annuncio ufficiale, Bolt aveva rivelato di volere un figlio dalla storica fidanzata.

In Germania l'esordio di Larissa Iapichino

L'esordio stagionale nel salto in lungo di Larissa Iapichino è in programma nel contesto internazionale di primissima qualità del meeting di Karlsruhe, in Germania, seconda tappa del circuito mondiale World Indoor Tour: appuntamento per venerdì 31 gennaio. L'azzurrina campionessa europea under 20 farà il proprio debutto nell'atletica «dei grandi», fianco a fianco con alcune delle principali specialiste del lungo tra cui la tedesca medaglia d'oro dei Mondiali di Doha Malaika Mihambo.

La 17enne dell'Atletica Firenze Marathon, senza fretta, ma con tanta carica e voglia di confrontarsi con le migliori, avrà la possibilità di cominciare a fare esperienza e provare a guadagnare posizioni nel ranking della World Athletics, considerando che buoni piazzamenti in meeting di questo prestigio mettono in palio un discreto bottino di punti. Non solo Karlsruhe: Larissa Iapichino sarà in pedana nel World Indoor Tour anche a Glasgow il 15 febbraio.

L'anno delle esperienze

«Lo definirei 'l'anno delle esperienze' - parola di Larissa - Gareggiare sulla stessa pedana delle più forti sarà un'emozione enorme: per esempio la Mihambo è uno dei miei idoli. Io ho soltanto da guadagnarci, non sento le pressioni, prima o poi va rotto il ghiaccio in questi contesti. Sento che in allenamento abbiamo fatto un buon lavoro e che nel 2020 posso continuare a crescere. Oltre Karlsruhe e Glasgow gareggerò due volte ad Ancona, sempre nel lungo, l'8 febbraio ai Tricolori juniores e promesse e il 22 febbraio agli Assoluti».

L'evento più importante per la sua categoria di appartenenza è a luglio: dal 7 al 12 in calendario i Mondiali under 20 di Nairobi, in Kenya. Sullo sfondo, i Giochi olimpici di Tokyo (31 luglio-9 agosto) e quel 6,82 dello standard d'iscrizione, misura che nella storia dell'atletica azzurra ha saltato soltanto mamma Fiona: «Nairobi è certamente l'obiettivo principale del 2020 - spiega Larissa - ma io cerco di fare tutto il possibile e non mi pongo limiti. Ci proverò».