14 agosto 2020
Aggiornato 16:00
MotoGP | Gran Premio d'Italia

Marquez, il leader del Mondiale arriva nella tana del lupo al Mugello

Il palmares non certo esaltante, il fattore campo, la tifoseria italiana a lui avversa: tutti buoni motivi per rendere questo weekend molto complicato per Marc

Marc Marquez sul gradino più alto del podio dell'ultimo GP di Francia di MotoGP a Le Mans
Marc Marquez sul gradino più alto del podio dell'ultimo GP di Francia di MotoGP a Le Mans Michelin

SCARPERIA«È bello arrivare al Mugello con un vantaggio in campionato, ma siamo ancora nella fase iniziale della stagione e i distacchi sono molto ridotti, perciò dobbiamo tenere i piedi ben piantati a terra». Marc Marquez si presenta in Italia, nella tana del lupo, forte di tre successi consecutivi e trentasei punti di vantaggio in classifica di campionato. Un'enormità, verrebbe da dire a questo punto della stagione. Se non fosse che stavolta, sull'autodromo toscano, sarà probabilmente lui quello chiamato a giocare sulla difensiva. È vero che proprio qui al Mugello, infatti, il Cabroncito ottenne il suo primo successo nel Motomondiale, in classe 125 nel 2010, ma da allora ha trionfato solo altre due volte, di cui una sola in MotoGP (nel 2014). L'anno scorso, ad esempio, arrivò solamente quinto, mentre il successo del suo rivale Andrea Dovizioso aprì la strada alla sua rimonta in classifica che lo portò a giocarsi il titolo fino all'ultimo weekend.

Test confortante
Insomma, il palmares non certo esaltante, unito al fattore campo e alla tifoseria italiana a lui avversa, costringerà il pilota catalano della Honda ad un fine settimana che si annuncia in salita. Lui, però, confida nei risultati delle ultime prove. «Prima del Gran Premio di Francia abbiamo compiuto un test proprio su questa pista in cui ci siamo rivelati veloci e molto costanti – prosegue il sei volte iridato – Questo è ovviamente positivo, ma dobbiamo comunque aspettare e vedere in che situazione ci ritroveremo quando inizieremo a lavorare per la gara. Ci sono sempre punti interrogativi riguardo le gomme, l'assetto, le temperature e così via. Per esempio, le condizioni saranno probabilmente più calde questo weekend rispetto a quando abbiamo provato, perciò ci limiteremo a restare concentrati, per cercare di gestire bene i consueti alti e bassi della preparazione per la gara».