17 settembre 2019
Aggiornato 00:30

Aleix Espargaro resta in Aprilia per altre due stagioni

Il pilota spagnolo, che ha convinto in sella alla moto di Noale a partire dallo scorso anno, ha ottenuto il rinnovo del contratto fino al 2020: «Arriveremo a podio»

Aleix Espargaro
Aleix Espargaro

LE MANS – La più importante novità per Aprilia, alla vigilia del Gran Premio di Francia a Le Mans, è in realtà una tanto attesa conferma: Aleix Espargaró sarà in sella alla Aprilia RS-GP anche nelle stagioni 2019 e 2020. Si consolida così un progetto tecnico e sportivo al quale Aleix ha aderito con entusiasmo sin dal primo test sulla moto italiana, nel novembre 2016. «Sono molto contento di rimanere altri due anni con Aprilia – commenta il pilota spagnolo – Per la prima volta nella mia carriera riesco ad avere stabilità, è importante per migliorare e crescere insieme. Ho un unico obiettivo, una ossessione, ed è quella di portare la RS-GP sul podio. Ringrazio Aprilia e tutta la mia squadra, continueremo a lavorare al massimo fino al 2020».

Continuità per lo sviluppo
La conferma di Aleix garantisce ulteriore continuità all’ancora giovane ma sempre più solido progetto Aprilia nella classe regina del motociclismo, con l’obiettivo di capitalizzare il grande lavoro svolto sin dal rientro in MotoGP e concretizzare quei risultati che, a partire dalla parte finale della scorsa stagione, sono parsi più volte vicini. Pilota esperto, capace e tecnicamente preparato, Espargaró rappresenta una delle componenti fondamentali di un percorso di sviluppo che per Aprilia e per tutto il gruppo Piaggio va oltre il solo aspetto sportivo, ma che punta alla realizzazione di una gamma prodotti innovativi, all’apice della tecnologia e delle performance, come impongono la storia e la tradizione di un marchio come Aprilia. «Questo rinnovo è innanzitutto un riconoscimento alle qualità di Aleix, un pilota veloce e un professionista esemplare – conclude il responsabile corse della casa di Noale, Romano Albesiano – Fin dal suo arrivo, ha saputo portare passione e motivazione nel box, con effetti positivi su tutto il team. Il suo contributo alla crescita della RS-GP è innegabile e sono sicuro che i prossimi due anni ci permetteranno di raggiungere risultati importanti e soprattutto ci riporteranno a coinvolgere, emozionare e far sognare i giovani e i tantissimi fans che Aprilia ha in tutto il mondo. I segnali ci sono, dare continuità al progetto tecnico con un pilota che conosce bene team e moto ci permette di programmare al meglio lo sviluppo in ottica futura».