1 marzo 2024
Aggiornato 06:00
Formula 1

Un nuovo GP pronto ad entrare in calendario: una gara cittadina a Miami

I proprietari del circus, il gruppo americano Liberty Media, sono già in trattativa da novembre con il sindaco. La prossima settimana la commissione voterà

Una vista dall'alto della città di Miami
Una vista dall'alto della città di Miami Foto: Red Bull

MIAMI – La Formula 1 fa rotta verso Miami: già dall'ottobre 2019, infatti, il Mondiale potrebbe organizzare un Gran Premio per le strade della città più famosa della Florida. I rappresentanti del Comune, guidato dal sindaco Francis Suarez, sono già in trattativa dallo scorso novembre con i proprietari del circus, il gruppo americano Liberty Media, che si è dato l'obiettivo di sfondare finalmente nel mercato degli Stati Uniti.

Mosse politiche
Un portavoce della commissione cittadina ha confermato che la prossima settimana, per la precisione il 10 maggio, si terrà un voto per valutare l'eventualità o meno di proseguire con il progetto. «La commissione della città di Miami ha intrapreso un importante passo avanti aggiungendo un punto al suo prossimo ordine del giorno che, se approvato, aprirebbe la strada per portare la Formula 1 nel centro della città la prossima stagione – ha dichiarato il direttore generale delle operazioni commerciali del circus, Sean Bratches – Apprezziamo l'interesse della comunità ad ospitare un Gran Premio e non vediamo l'ora di lavorare con le istituzioni locali per dar vita a questa visione. Con oltre mezzo miliardo di tifosi in tutto il mondo, la Formula 1 è il più grande spettacolo automobilistico sul pianeta, ed essendo Miami una delle città più famose e affascinanti, oltre che dotate di una robusta infrastruttura turistica, si tratterebbe della destinazione perfetta per noi e i nostri tifosi».

Prima prova
Tra gli influenti sostenitori del progetto c'è Stephan Ross, speculatore edile e proprietario della squadra di football dei Miami Dolphins, oltre che grande appassionato di corse: «Miami è una città globale di prima classe, e la Formula 1 è un marchio globale di prima classe – ha spiegato – In collaborazione con la città e la contea di Miami, sono fiducioso di poter realizzare un altro evento globale che sarà la destinazione per molte persone di tutto il mondo e porterà valore economico al sud della Florida. Dal calcio al tennis ai motori, Miami si merita solo il meglio della musica, del cibo, dell'arte, della moda, dello sport e dell'intrattenimento, che è quello che vogliamo creare con una gara di F1». Già quest'anno, Miami ospiterà un'esibizione delle monoposto in previsione del Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin, in programma il prossimo ottobre. Se questa dimostrazione dovesse trasformarsi in un vero e proprio GP, però, è probabile che un'altra corsa sia destinata a perdere il suo posto, in un calendario che già nel 2018 ha toccato quota 21 appuntamenti.