24 agosto 2019
Aggiornato 13:00

La Ferrari fa doppietta nelle libere (e scampa la penalità)

Kimi Raikkonen è stato il più veloce, davanti al suo compagno Sebastian Vettel. E dopo l'uscita dai box con la gomma montata male se la cava con una multa

La Ferrari di Kimi Raikkonen in azione durante le prove libere del Gran Premio del Bahrein di F1
La Ferrari di Kimi Raikkonen in azione durante le prove libere del Gran Premio del Bahrein di F1 Ferrari

MANAMA – Seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Bahrein con il brivido per la Ferrari. Da un lato, infatti, Kimi Raikkonen è risultato il più veloce sul giro secco con le gomme supersoft, ma proprio nel corso della simulazione di gara finale è stato costretto a fermarsi in uscita dalla corsia dei box, quando ha perso la ruota anteriore destra montata malamente durante il pit stop. Un errore che sarebbe potuto costare caro: i commissari hanno infatti aperto un'inchiesta per aver rimandato in pista la vettura in condizioni insicure, e avrebbero potuto punire Iceman con un arretramento sulla griglia di partenza. Invece il pilota finlandese l'ha fatta franca, cavandosela con una semplice multa di cinquemila euro, in quanto la direzione gara ha ritenuto che la Scuderia, «ordinando immediatamente di fermare la vettura, abbia minimizzato il potenziale pericolo», recita il comunicato della Federazione internazionale dell'automobile. Ottima anche la prestazione di Sebastian Vettel, che chiude secondo ad appena 11 millesimi dal suo compagno di squadra, con tempi particolarmente interessanti nel secondo e nel terzo intermedio della pista di Sakhir.

I guai degli altri
In terza posizione si piazza la Mercedes di Valtteri Bottas, staccata da Vettel di oltre mezzo secondo, ma il suo compagno di squadra Lewis Hamilton lo avrebbe scavalcato, nel corso della sua simulazione di qualifica, se non fosse stato rallentato dalla Haas di Kevin Magnussen nell'ultima curva a destra. Alla fine il campione del mondo in carica ha chiuso dunque quarto, a sei decimi, dopo essere stato protagonista anche di un'uscita di pista provocata da un bloccaggio delle gomme alla prima curva. Quinta piazza per Max Verstappen, che pur lamentandosi della mancanza di potenza della sua Red Bull, ha chiuso davanti al suo compagno di squadra Daniel Ricciardo, sesto: entrambi hanno accusato distacchi prossimi al secondo.