10 dicembre 2019
Aggiornato 00:00
Tony si conferma profeta in patria

Cairoli re d'Italia, successo bis in casa: «E ora il Mondiale!»

Anche nel Gran Premio di Lombardia, il secondo a domicilio, trionfa l'otto volte iridato, dominando ogni sessione e allungando a 67 punti il vantaggio in classifica di campionato: «Queste vittorie sono fantastiche, ma ormai non penso più ad aggiudicarmi ogni gara: penso al titolo»

OTTOBIANO – Nel Gran Premio della Lombardia, undicesima prova del Mondiale motocross MxGP 2017, Antonio Cairoli è riuscito a scrivere l’ennesima pagina memorabile della storia di un campionato esaltante. Sullo spettacolare circuito di Ottobiano, in provincia di Pavia, caratterizzato da fondo sabbioso e con temperature torride, il portacolori del team Red Bull Ktm Factory Racing MxGP ha dominato ogni sessione a cui ha partecipato. Miglior tempo nelle libere, miglior tempo nelle cronometrate e vittoria nella manche di qualifica (quarta pole stagionale), l'idolo di casa con la Ktm 450 Sx-F ha esaltato il pubblico italiano con il successo in entrambe le manche iridate. In gara-1 è scattato in testa sin dal via e dopo aver controllato un tentativo di attacco del forte olandese Jeffrey Herlings (Ktm 450 Sx-F) è andato a vincere con diciotto secondi di vantaggio sullo stesso Herlings. In gara-2 l’otto volte campione del mondo si è ritrovato a battagliare con Herlings, che gli ha tenuto testa fino a poco oltre metà gara. Cairoli ha poi effettuato il sorpasso decisivo ed ha aumentato il ritmo prendendo un margine di vantaggio crescente, fino ai trentadue secondi del distacco finale. Al salto finale del siciliano è esplosa la festa per i ventimila e più presenti, che hanno invaso il piazzale di partenza per la cerimonia del podio.

Leadership consolidata
Per Tony l’ottantunesimo successo in carriera e il quarto stagionale, che gli consente di allungare il vantaggio a 67 punti in classifica provvisoria di campionato MxGP sul secondo, ora il francese Paulin. «È fantastico vincere il GP di casa, e quest’anno sono riuscito a vincerli entrambi! – esclama – La pista di Ottobiano mi piace, e amo le piste dal fondo sabbioso. Sapevamo che il gran caldo avrebbe complicato tutto ma ci siamo preparati al meglio e siamo riusciti ancora a festeggiare con tutti i nostri tifosi che sono accorsi numerosissimi. In entrambe le manche ho battagliato con Herlings, che è uno dei migliori piloti su sabbia, ed ho avuto la meglio. In gara due è stato più difficile, ma non ho preso rischi e stavo controllando la situazione e studiando le sue traiettorie. Quest’anno mi sento bene sia fisicamente che con la moto ma non gareggio per vincere tutte le gare ma bensì per un obiettivo più importante: il campionato. Sono felice di vedere quanta gente venga ancora a vedermi correre dopo più di dieci anni e do sempre il 100% per ripagarli del loro supporto. Sono anche molto grato al mio team ed a Ktm per il fantastico lavoro che facciamo sulla moto con continui sviluppi e miglioramenti».

Una fase della gara che ha portato il siciliano alla vittoria ad Ottobiano
Una fase della gara che ha portato il siciliano alla vittoria ad Ottobiano (Ktm)