7 dicembre 2021
Aggiornato 04:30
I chirurghi continuano a monitorare i suoi traumi

Max Biaggi resta in terapia intensiva, ma ci sono notizie incoraggianti

Il campione di motociclismo è ancora ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione dell'ospedale San Camillo di Roma dopo la sua caduta in allenamento in Supermotard. Ma l'ultimo bollettino medico del sabato mattina conferma «condizioni stabili e parametri vitali soddisfacenti»

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/06/20170609_video_14493997.mp4

ROMA – Restano stazionarie le condizioni di Max Biaggi, che rimane ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale San Camillo di Roma dopo la violenta caduta rimediata durante un allenamento in Supermotard sulla pista del Sagittario a Latina. La paura iniziale per il trasporto in elicottero in codice rosso era già stata attenuata ieri dai primi bollettini medici che avevano confermato come il pilota «non ha mai perso conoscenza, e ha rimediato un forte trauma toracico, con fratture multiple costali e l'assenza di lesioni midollari». Sulla stessa linea anche quello emesso nella mattinata di sabato: «I parametri vitali sono al momento soddisfacenti, c'è adeguato controllo della sintomatologia dolorosa – si legge – Biaggi resta in terapia intensiva e prognosi riservata perché il trauma subito è potenzialmente evolutivo e necessita di un adeguato monitoraggio. Il paziente è molto collaborativo e partecipa attivamente alla fisioterapia respiratoria». Il prossimo aggiornamento è previsto in serata, alle ore 19.

Le parole della fidanzata
Al suo fianco resta soltanto la sua compagna, Bianca Atzei, che sui social network ha pubblicato a sua volta un messaggio rivolto ai tifosi: «La salute di Max è in buone mani, dovrà restare ancora in terapia intensiva e in prognosi riservata. È forte e testardo. Questa notte è stato sottoposto a un trattamento per poter respirare meglio e nelle prossime ore verranno eventuali procedure. È una roccia, vi ringrazia tutti mi ha detto di dirvi che la vostra energia e il vostro affetto lo fanno sentire meglio».