29 marzo 2020
Aggiornato 21:00
Calcio

Costacurta e Condò sul Milan: “Bacca? Meglio Petagna”

Nonostante le tre reti nelle ultime due partite, il centravanti colombiano non accende ancora gli entusiasmi fra gli addetti ai lavori e fra i tifosi

MILANO - C’è poco da fare, quando qualcuno ha un’etichetta addosso fa una tremenda fatica a staccarsela. E’ il caso, ad esempio, di Carlos Bacca, centravanti del Milan da due anni e mai completamente amato dal popolo rossonero nonostante quasi 20 reti il primo anno e già oltre 10 (coppe comprese) questa stagione. Certo, alcuni atteggiamenti del colombiano non sono piaciuti ai tifosi, forse nemmeno agli stessi compagni, trattati con supponenza dal borghese attaccante sudamericano che però in queste ultime settimane sta facendo parlare di sé solo in positivo e soprattutto solo per i gol: il decisivo rigore che ha permesso al Milan di battere il Sassuolo e la doppietta di sabato sera a San Siro che ha spazzato via la coriacea resistenza del Chievo.

Poca fiducia

Tutto risolto e pace fatta con l’ambiente? Non proprio, perché i mugugni su Bacca proseguono, allo stadio (che pure per buona parta l’ha anche applaudito) e pure in televisione, a Sky in particolare, dove il noto giornalista ed opinionista Paolo Condò e l’ex difensore milanista Alessandro Costacurta non le hanno mandate a dire all’ex punta del Siviglia: «Io sarò stato abituato male - afferma Condò - ma dopo aver visto indossare la maglia del Milan a Van Basten, Shevchenko e Inzaghi, solo per citarne qualcuno, Bacca non mi suscita nessuna emozione. Mi spiace anzi che a Milanello abbiano puntato su di lui e non si siano accorti di Petagna». Gli fa eco Costacurta: «Bacca è un buon calciatore, nulla di più. Non può essere lui il futuro del Milan se i rossoneri vogliono tornare grandi, serve qualcosa di assai migliore».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal