14 novembre 2019
Aggiornato 20:30

Higuain spezza i sogni napoletani

Il gol decisivo di Gonzalo Higuain, che sigilla il 2-1 con cui la Juve batte il Napoli, spalanca al Pipita le porte del pianeta Juve. Allegri soddisfatto. Sarri: «Non meritavamo di perdere». Nell'altro anticipo la Fiorentina supera il Bologna.

Gonzalo Higuain autore del goal della vittoria bianconera
Gonzalo Higuain autore del goal della vittoria bianconera ANSA

TORINO - La sfida tra Juventus è Napoli è decisa dal grande ex Gonzalo Higuain. Allo Stadium vincono i bianconeri 2-1 con le reti di Bonucci, Callejon e Higuain. La partita si accende su un episodio in avvio di ripresa, nella fattispecie una svirgolata di Ghoulam, che invece di spazzare mette in porta Bonucci. Il difensore ringrazia e di sinistro fulmina Reina. Il pareggio del Napoli dopo qualche minuto: Insigne imbecca Callejon, bravo a battere Buffon di destro. Poi la decide una pepita di Higuain, intelligente a seguire la respinta di Ghoulam sull'inserimento di Khedira e a colpire col sinistro dove Reina non può nemmeno provare la parata. Ora Juve in fuga con 7 punti di vantaggio sul Napoli terzo in classifica, in attesa di Empoli-Roma.

Allegri: «Sono Soddisfatto»
«È una vittoria importante perché mettiamo il Napoli a -7 e perché abbiamo vinto uno scontro diretto contro una squadra che gioca un bellissimo calcio» il commento di Allegri. «Mi è piaciuto il secondo tempo, abbiamo creato e subito un gol che si poteva evitare, ma sono soddisfatto. Abbiamo pressato alto e andavamo sopra la linea della palla, dietro andavamo spesso uomo contro uomo e abbiamo dimostrato che questi giocatori lo possono fare. È impossibile essere al top per tutto l'anno, oggi la squadra nel secondo tempo ha fatto molto meglio del primo, siamo stati più aggressivi del Napoli. Poi dipende dalle caratteristiche dei giocatori: noi strappiamo meno degli altri, a parte quando giocano Cuadrado o Pjaca, ma sappiamo gestire i momenti e approfittare dei cali degli avversari».

Sarri: «Non meritavamo di perdere»
Per Sarri «Se concedi due errori alla Juve il rischio di pagare c'è - ammette -. A livello di prestazione non meritavamo di perdere. In questo momento, però, mettiamo sempre dentro la partita qualche errore e, contro giocatori come quelli della Juve, questo è pericolosissimo. Insigne? Deve stare zitto: erano tre azioni che si fermava e rifiatava».

Bologna-Fiorentina 0-1, decide Kailinc su rigore
Basta una rete di Kalinic su calcio di rigore alla Fiorentina per espugnare il campo del Bologna. La squadra di Paulo Sousa soffre ma porta a casa una vittoria fondamentale: i viola salgono momentaneamente al sesto posto in classifica a 16 punti mentre i felsinei sono 15esimi e perdono dopo 3 pareggi consecutivi. Nel primo tempo la Fiorentina parte forte e sfiora il vantaggio dopo 7' con Ilicic che su lancio di Astori prende il palo. Al 26' è ancora un legno a salvare il Bologna: Ilicic calcia una punizione che però si stampa sulla traversa. Tre minuti dopo però la Fiorentina trova il meritato vantaggio con Kalinic che è freddo a trasformare un calcio di rigore (calciato due volte) procurato dallo stesso attaccante e sul quale Gastaldello è stato espulso. Nella ripresa è ancora la viola a rendersi pericolosa dopo pochi minuti, ma il colpo di testa di Kalinic termina di poco fuori. Il Bologna ci prova soprattutto con le incursioni di Taider che però non trova il sostegno dei compagni. Allo scadere Cristoforo sfiora il raddoppio ma Da Costa si salva con i piedi.