25 febbraio 2020
Aggiornato 14:00
Calcio

Milan: Badelj è il centrocampista ideale

La trattativa per strappare alla Fiorentina il regista croato appare come la soluzione più intelligente per i rossoneri. Montella lo conosce e lo può far rendere al meglio, la sua intelligenza tattica può fare la differenza

MILANO - Sarà che di nome fa proprio Milan, ma l’affare che potrebbe (dovrebbe) portare Badelj alla corte di Vincenzo Montella sta restituendo fiducia al depresso popolo milanista. Il regista croato della Fiorentina è elemento esperto ma ancora giovane, conosce già alla perfezione il campionato italiano ed ha proprio le caratteristiche che mancano al centrocampo rossonero: corsa, qualità, personalità e quella visione di gioco che nella linea mediana di Montella nessuno ha, né Montolivo, né Kucka, né Poli e né tantomeno quel Sosa che tanto Galliani sta inseguendo ma che, francamente, potrebbe benissimo rimanersene a Istanbul senza occupare l’ultimo posto da extracomunitario ancora disponibile. E poi c’è Montella, un tecnico che Badelj lo conosce e sa come valorizzarlo affidandogli le chiavi del centrocampo milanista col compito di organizzare la manovra lasciando più liberi di correre sia Montolivo che Bonaventura, spesso ingabbiato da lavori di copertura. Infine, elemento da non trascurare in quest’estate di austerità per Adriano Galliani, Badelj va in scadenza di contratto con la Fiorentina nel 2018 e non ha la minima intenzione di prolungarlo; i viola, quindi, pur di non perdere il croato a zero fra una ventina di mesi, potrebbero accettare senza particolari ostruzioni gli 8/10 milioni offerti da un Milan che sembra finalmente tornato in grado di imbastire una campagna acquisti degna di nota.