8 dicembre 2019
Aggiornato 14:00

Raikkonen: «Non sono preoccupato per il mio futuro»

Il pilota Ferrari fiducioso per la rossa: «Credo che la tendenza negativa si invertirà ad un certo punto perché non può andare avanti così ancora per molto. Di certo non si tratta di un momento facile, ma ci siamo già trovati in situazioni simili in passato e siamo sempre riusciti a rovesciarle».

MARANELLO - Prima uscita ufficiale di Kimi Raikkonen oggi ad Hockenheim in occasione della conferenza stampa di vigilia del Gp di Germania. Il pilota finlandese ha raccontato dell'incidente occorsogli al primo giro del Gran Premio di Gran Bretagna: «Ho sentito dolore subito dopo - ha rivelato - non tanto alla gamba quanto alle costole. Ecco perché non ho guidato nei test (di Silverstone), ma ora è tutto a posto».
A Raikkonen è stato chiesto se quello è stato l'incidente più violento della carriera: «Probabilmente si! E voglio sperare che non ce ne saranno troppi altri. Mi sono fatto male, ma spesso sono gli incidenti a velocità più bassa quelli in cui ti procuri i danni maggiori. Quello di Silverstone è stato solo un episodio sfortunato, niente di serio, fa parte del gioco».

La tendenza negativa si invertirà
Raikkonen ha mantenuto un approccio positivo anche quando si è tornato a parlare delle difficoltà che in generale stanno caratterizzando le sue prestazioni in pista in questa stagione: «Credo che la tendenza negativa si invertirà ad un certo punto perché non può andare avanti così ancora per molto - ha affermato -. Di certo non si tratta di un momento facile, ma ci siamo già trovati in situazioni simili in passato e siamo sempre riusciti a rovesciarle. Io credo fortemente che possiamo sistemare le cose e tornare là dove dovremmo essere. Quanto presto? Non lo so, spero il più in fretta possibile, ma non sono preoccupato per il mio futuro».