18 agosto 2019
Aggiornato 00:30

Kittel prima maglia gialla

Il tedesco ha conquistato la prima tappa in volata conclusa sul traguardo di Harrogate, nello Yorkshire. Seconda posizione per Sagan, brutta caduta per Mark Cavendish. Onorato dalla presenza di William e Kate il Tour ha affrontato una lunga passerella per Leeds tra due ali di folla.

HARROGATE - E' il tedesco Marcel Kittel la prima maglia gialla del Tour de France 2014. Kittel ha conquistato la prima tappa in volata conclusa sul traguardo di Harrogate, nello Yorkshire. Seconda posizione per Sagan, brutta caduta per Mark Cavendish. Onorato dalla presenza di William e Kate il Tour ha affrontato una lunga passerella per Leeds tra due ali di folla che ricordano tanto quelle che la carovana gialla troverà tra qualche tappa su Alpi e Pirenei. All'altezza di Harewood House la carovana si è fermata per ascoltare gli inni nazionali britannico e francese prima di ricevere la benedizione reale e cominciare la tappa, vero e proprio trasferimento caratterizzato solo da qualche fuga più per esigenze di sponsor che non di classifica.

E così agli altari della cronaca salgono i primi fuggitivi di giornata: Jens Voigt, tedesco della Trek, il corridore più vecchio del Tour (42 anni), e i francesi Nicolas Edet (Cofidis) e Benoit Jarrier (Bretagne Seche). Quest'ultimo si è anche aggiudicato il primo gran premio della montagna quello di Côte de Cray, di quarta categoria. Tra strappetti, allunghi e frenate il gruppo è rientrato a 50 km dall'arrivo. A questo punto le squadre dei velocisti hanno preso il controllo della gara. Prima ci ha provato Fabian Cancellara ma la sua fuga è partita da troppo lontano. Sull'ultima curva caduta di Cavendish e Kittel che vince a braccia alzate davanti allo slovacco e al lituano Navardauskas. Domani da York a Sheffield di 201 km, tappa nervosa con 9 gpm.

Kittek: Io in giallo? Incredibile - Marcel Kittel è incredulo dopo la vittoria nella prima tappa del Tour de France 2014 che gli ha regalato la maglia gialla. «Incredibile, non è reale. L'ultimo chilometro è stato duro - ha detto il tedesco della Giant-Shimano - L'entusiasmo del pubblico è stato incredibile, mi ha motivato molto. Sono felicissimo del nostro lavoro».

Lussazione alla spalla per Cavendish - Il Tour de France di Mark Cavendish potrebbe essere gia' terminato. Caduto rovinosamente nel finale della prima tappa, il campione britannico della Omega PharmaQuick Step è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti alla spalla destra, che hanno escluso una frattura ma evidenziato una rottura dei legamenti con lussazione, che gli provoca molto dolore. Solo domattina Cavendish deciderà se ripartire o meno. «E' stata colpa mia - le sue parole - Mi scuso personalmente con Simon Gerrans, non appena ne avrò la possibilità lo farò. In realtà, ho cercato di trovare uno spazio dove non c'era. Volevo vincere oggi, mi sentivo davvero forte ed ero in una posizione ideale per competere allo sprint grazie agli sforzi incredibili della mia squadra. Mi dispiace per tutti i fan che sono venuti fuori per sostenermi, è stato davvero incredibile».