27 maggio 2019
Aggiornato 05:30
Ciclismo

Venerdì al via il Giro d’Italia, Team Sky perde Kennaugh. Contador punta tutto sul Tour

A due giorni dall’inizio della prestigiosa corsa a tappe alla conquista della maglia rosa, il Team Sky perde Kennagh, al suo posto Sutton. Il fenomeno spagnolo, analizza il Tour de France: «I Pirenei segneranno la corsa di quest’anno».

MILANO - Il Team Sky perde un altro pezzo in vista del Giro d'Italia, al via venerdì con la cronometro a squadre di Belfast. Dopo i forfait di Bradley Wiggins, di Christopher Froome e, da ultimo, di Richie Porte, la formazione britannica non potrà contare nemmeno su Peter Kennaugh. Il 24enne mannese, vincitore quest'anno della Coppi e Bartali, sarà sostituito dall'australiano Chris Sutton. Al suo fianco correranno anche il norvegese Edvald Boasson Hagen, l'irlandese Philip Deignan, l'austriaco Bernhard Eisel, il colombiano Sebastian Henao, il bielorusso Kanstantsin Siutsou, il britannico Ben Swift e gli italiani Dario Cataldo e Salvatore Puccio.

CONTADOR: PIRENEI E CRONO BERGERAC DECISIVI PER TOUR - Alberto Contador punta tutto sul Tour de France. «I Pirenei segneranno il Tour di quest'anno, nonostante arrivino dopo i Vosgi e le Alpi, perchè saranno particolarmente duri - l'analisi del corridore spagnolo della Tinkoff-Saxo - La tappa di Saint Lary sarà durissima. Sono 124 chilometri di cui la metà in salita, sarà una giornata difficile da controllare per la maglia gialla». Secondo Contador le tre tappe dei Pirenei «saranno cruciali, perche' arrivano dopo i Vosgi, che comporteranno un forte dispendio di energie e segneranno le prime differenze, e le Alpi, in alcuni casi meno dure rispetto ad altre occasioni. Ma se la maglia gialla incappa in una giornata storta sui Pirenei, può perdere tutto». Per quanto riguarda i 54 chilometri a cronometro, «è una tappa molto esigente per la sua lunghezza, sarà uno dei giorni più duri di tutta la corsa».

ROBERT GESINK OPERATO PER ARITMIA CARDIACA - L'olandese Robert Gesink è stato operato con successo per un'aritmia cardiaca ed è già tornato ad allenarsi. Lo annuncia il suo team, la Belkin. Gesink, 27 anni, si era ritirato a inizio aprile, alla penultima tappa, dal Giro dei Paesi Baschi per ripetuti episodi aritmici, saltando poi le classiche delle Ardenne.