5 giugno 2020
Aggiornato 15:00
Lo ha deciso il cda della società che gestisce la pista

Simoncelli, il Circuito di Misano sarà intitolato al campione scomparso

«Lo dobbiamo alla memoria di Sic. Alla sua famiglia, alle centinaia di migliaia di fan che ne ammiravano il coraggio e l'umanità». Meloni: «L'intitolazione del circuito di Misano un giusto tributo»

MILANO - Il circuito di Misano sarà intitolato a Marco Simoncelli. Lo ha deciso il Consiglio di amministrazione della Santamonica Spa, che ha raccolto la proposta di associare il nome del proprio impianto a quello del pilota scomparso lo scorso 23 ottobre. «Lo dobbiamo alla memoria di Sic - ha dichiarato il vicepresidente Luca Colaiacovo -. Alla sua famiglia, alle centinaia di migliaia di fan che ne ammiravano il coraggio e l'umanità. Siamo quindi felici e orgogliosi di associare l'impianto di Misano a Marco Simoncelli, un fuoriclasse nello sport e nella vita. Nelle prossime ore - ha proseguito Colaiacovo - incontrerò la famiglia per annunciare la nostra decisione».
Il Cda della Santamonica Spa ha dato poi il mandato agli organi di Stato di approfondire la questione sotto l'aspetto giuridico, assumendosi poi l'impegno di non utilizzare in nessun caso il nome di Simoncelli per iniziative di marketing e commerciali relative al circuito di Misano.

Meloni: L'intitolazione del circuito di Misano un giusto tributo - Il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, apprezza la decisione assunta all'unanimità dal consiglio di amministrazione della pista di Misano di intitolare il circuito a Marco Simoncelli, il giovane pilota italiano vittima il 23 ottobre scorso di un incidente mortale nella gara di MotoGp di Sepang, in Malesia. «Mi rallegra - dichiara in una nota il ministro - apprendere che il circuito di Misano sarà dedicato alla memoria di Marco Simoncelli. Sono felice ovviamente anche per i tantissimi tifosi di Supersic che vedono così coronato il loro grande desiderio: poter ricordare il loro campione nel nome del suo circuito di casa».
«Nei giorni scorsi - sottolinea Meloni - avevo sottoscritto io stessa l'idea promossa dalla redazione del Resto del Carlino e dal giornalista Andrea De Adamich, sostenendo una petizione spontanea on-line lanciata dai simpatizzanti del giovane pilota scomparso. Personalmente considero la decisione di oggi - conclude - il giusto tributo ad una figura che non è stata solo quella di un campione sportivo, ma di un modello di riferimento positivo per tantissimi ragazzi italiani».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal