19 ottobre 2019
Aggiornato 13:30

Delusione Schiavone: è fuori

La milanese battuta in tre set dall'austriaca Paszek

LONDRA - Finisce al terzo turno l'avventura di Francesca Schiavone a Wimbledon. La 31enne tennista milanese, finalista nell'ultima edizione del Roland Garros, è stata battuta in tre set dall'austriaca Tamira Paszek, numero 80 del mondo, che si è imposta col punteggio di 3-6, 6-4, 11-9 al termine di una maratona durata complessivamente 3 ore e 41 minuti. Il match, interrotto ieri durante il terzo set a causa della pioggia, è ripreso oggi sul punteggio di 3-2 per l'austriaca.

La prosecuzione si è rivelata un'autentica battaglia, con la tennista azzurra subito sotto 4-2, ma capace di recuperare e di allungare la partita. Sul 6-5 l'austriaca arriva a due punti dal match sullo 0-30, ma la Schiavone ha mille risorse e infila tre punti consecutivi per il 6-6. Sul 7-7 la Leonessa sfrutta la quinta palla break e ha la ghiotta opportunità di servire per il match. Occasione sprecata, complice tra l'altro un doppio fallo e troppi errori gratuiti: la Paszek piazza il contro break e si porta sull'8-8. Immediata la reazione (l'ennesima) dell'azzurra che strappa nuovamente il servizio all'austriaca, si porta sul 9-8 e può servire nuovamente chiudere la partita. Niente da fare: la Paszek strappa la battuta a zero e si va avanti: 9-9. E' la svolta: l'austriaca tiene il servizio a zero, poi sfrutta il primo match point quando a servire è la Schiavone. Finisce qui. A gioire è Tamira Paszek, che ora negli ottavi di finale affronterà la russa Ksenia Pervak.

Il miglior risultato di Francesca Schiavone a Wimbledon restano i quarti di finale raggiunti due anni fa. Con questa eliminazione l'Italia sparisce dai tabelloni singolari del torneo londinese. E' stato un sabato nero per i colori azzurri: anche Flavia Pennetta è stata eliminata al terzo turno dalla francese Marion Bartoli, al termine di un match durato oltre tre ore.