28 marzo 2020
Aggiornato 19:00
L'Italia pareggia con il Camerun

Abete: “Raggiunto l’obiettivo”. Casiraghi: “E' solo stanchezza”

“E’ stata una brutta partita, ma il risultato è buono perchè abbiamo raggiunto il nostro obiettivo”

«E’ stata una brutta partita, ma il risultato è buono perchè abbiamo raggiunto il nostro obiettivo»: il presidente della Figc, pur condividendo la disapprovazione del pubblico e i fischi per il brutto spettacolo di Italia-Camerun, non può non complimentarsi con Casiraghi e la squadra per aver vinto il girone.

«E’ stata una gara brutta soprattutto nel secondo tempo, mentre nel primo ci sono stati una serie di episodi tra il rigore e l’espulsione che hanno fatto vedere come entrambe le squadre sentivano l’importanza della posta in palio. Comunque i ragazzi sono stati bravi a gestire l’incontro, hanno vinto le prime due gare e giocano ogni due giorni con un clima difficile e, come oggi, su un campo pessimo. Ci sta anche la disapprovazione del pubblico, la capisco, però noi avevamo un obiettivo e lo abbiamo raggiunto. Abbiamo evitato il Brasile e ora continuiamo il nostro percorso andando a Pechino».

Il caldo e le pessime condizioni del campo hanno influito sull’andamento della gara secondo il tecnico Casiraghi: «Abbiamo sempre giocato bene – spiega l’allenatore azzurro- stavolta abbiamo fatto fatica per il caldo e per il pessimo campo, che ha favorito il Camerun. Noi abbiamo cercato di giocare, ma negli ultimi minuti non abbiamo rischiato. Lo avevamo fatto con quel rigore che Viviano è stato bravo a parare. Quindi alla fine perchè rischiare ancora?»

Il tecnico pensa già alla partita di sabato: «Aspettiamo tre giorni e poi vediamo se è il caso di cambiare qualcosa, se c'è qualcuno che è più stanco e se c'è qualche altro da recuperare».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal