28 marzo 2020
Aggiornato 18:00
Abete: «Spirito giusto»

Seconda vittoria, Italia già qualificata ai quarti

Anche contro la Corea vale la legge del 3-0

Italia già qualificata ai quarti. Ora basterà un pari contro il Camerun per vincere il girone ed evitare al prossimo turno di incontrare il Brasile. Anche contro la Corea vale la legge del 3-0. Azzurri che non rischiano mai e che vincono la gara già nella prima mezz’ora. Casiraghi getta nella mischia Rocchi. Dietro cambia qualcosa, con l’esordio dal primo minuto di Motta e Coda, in panchina vanno De Silvestri e De Ceglie.

Un’Italia alla ricerca della vittoria per chiudere anzi tempo il discorso qualificazione. Gli azzurri partono bene anche se trovano una Corea abbastanza chiusa. Questa, però, è un’Italia di qualità e al 16’ trova il gol del vantaggio con Giuseppe Rossi, oggi di gran lunga il migliore in campo, abile a rubare il tempo a due avversari e a ribadire in rete una corta respinta del portiere coreano su tiro di Rocchi. Bocchetti sfiora il raddoppio con un tiro alto. Ma è un’Italia padrona del campo. Poi è Viviano ad evitare il pari parando in due tempi una punizione di Park Chu. Ma è grande Italia. Gli azzurri di Casiraghi danno la sensazione di poter fare male ogni volta che affondano. Al minuto 32 Motta se ne va in bello stile sulla destra, centro per Rocchi che a colpo sicuro trova la sua prima rete con la maglia dell’Olimpica. 2-0 per gli azzurri. Davvero un gran bel gol. Timida reazione dei Coreani che si esurisce quasi subito. L’Italia gestisce con calma, anche perché i coreani, completamente fuori dal gioco, falliscono anche gli appoggi più semplici. Il primo tempo si chiude con una giocata da autentico campione di Giuseppe Rossi che se ne va in dribbling a due avversari e poi sfiora il gol con un bolide ad effetto che esce di pochissimo. La ripresa si apre ancora nel segno degli azzurri che sfiorano ancora con Rossi la terza segnatura, ma il pallonetto dell’attaccante esce fuori di un niente. 3-0 sfiorato ancora con Criscito, ma il portiere coreano è bravo a mettere in angolo. Sugli scudi Rossi che dispensa giocate di alta scuola facendo impazzire gli avversari. Il talento del Villarreal esce fra gli applausi di tutto lo stadio, gremito in ogni ordine di posto. C’è il tempo per salutare il 3-0 di Montolivo che sfrutta un contropiede di Acquafresca, poi triangola involontariamente con il palo e mette in rete. Ora sotto con il Camerun, basterà il pari per evitare il Brasile.

A fine partita così il Presidente Federale Giancarlo Abete: « E’ stata una bella partita, un bel gruppo che ci sta dando soddisfazioni non solo per i risultati conseguiti, ma anche per come sta interpretando le gare, si vede che il gruppo c’è e soprattutto c’è lo spirito giusto. Siamo tra i primi otto, ma adesso è importante mantenere la testa del girone, perché potrebbe allontanare certi pericoli (Brasile, ndr). E’, quindi, importante anche la terza partita, ma giochiamo già da qualificati e quindi con più tranquillità. In questa squadra ci sono rapidità e giocate di grande classe. Sono contento per Rocchi perché aveva saltato la prima gara oggi è entrato e ha subito segnato.

E il Ct Pierluigi Casiraghi: «E’ stata una partita bellissima, faceva un gran caldo e non era facile giocare con questo clima, ma i ragazzi hanno fornito una grande prestazione giocando come sanno fare. Adesso siamo qualificati, però, manca una gara e non dobbiamo dimenticare che arrivando primi nel girone potremmo avere, almeno sulla carta, un certo vantaggio».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal