15 novembre 2019
Aggiornato 00:30
Falsa gravidanza

Il medico: «signora, lei aspetta un bambino». Ma era una ciste di 26 chilogrammi

La donna l’ha descritto come un «alieno» nel suo corpo: era una massa di 26 chilogrammi nel suo addome e persino il suo medico pensava si trattasse di un bambino

Quella che potete vedere nella foto (pubblicata dalla BBC) è una donna di 28 anni. Chiunque penserebbe che è incinta, in procinto di partorire. E, infatti, anche lei ha sempre pensato che si trattasse di un bambino. Fino a quando scoprì che la crescita esponenziale del suo addome era dovuto a tutt’altra cosa: Kelly aveva una ciste ovarica del peso di 26 chilogrammi. Ecco tutti i dettagli di questa incredibile vicenda.

Sei incinta!
Kelly Favell osservava la sua pancia crescere giorno per giorno, ma tutti i test di gravidanza davano esito negativo. Il suo medico, tuttavia, riteneva possibile un fatto simile e così, anche lui pensò si trattasse di una normalissima gestazione. D’altro canto, la donna pensava di essere solo un po’ ingrassata, almeno inizialmente.

Una crescita lenta
In realtà Kelly racconta di come, i primi tempi, la crescita sembrava essere relativamente lenta. È cresciuta così lentamente che non avevo capito che c’era qualcosa che non andava - pensavo solo che stavo mettendo su un po’ di grasso. Sono stata con il mio compagno Jamie Gibbins per 10 anni e ci siamo chiesti alcune volte se fossi incinta - ma abbiamo fatto il test a casa e l'abbiamo sempre escluso».

Sei incinta
Nonostante una leggera crescita addominale avesse cominciato a verificarsi nel 2014, nell’anno 2016 la donna ha cominciato a farsi vedere da un medico perché la crescita stava diventando visibile anche a occhio nudo. Ma non solo: durante una giornata lavorativa aveva perso i sensi: c’era sicuramente qualcosa di strano. Una volta visitata la donna, il suo dottore ha confermato che si trattava di una gravidanza – nonostante gli esami fossero negativi.

Sei incinta?
«Guardandomi, qualcuno avrebbe pensato che ero al nono mese di gravidanza. Non era la prima volta che mi scambiavano per una mamma in dolce attesa». Nel mese di gennaio, il medico ha poi richiesto un’ecografia per valutare lo stato di salute del bambino. «Ero sdraiata lì con Jamie accanto a me mentre il radiologo muoveva la sonda sulla mia pancia e ho visto i suoi occhi spalancarsi per l'orrore, ma lo schermo era vuoto. L'espressione sul suo viso diceva tutto - qualcosa non andava, e quando ha detto che avrei dovuto fare approfondimenti diagnostici ho iniziato a farmi prendere dal panico, Jamie ha fatto del suo meglio per rassicurarmi, ma mi sentivo paralizzata dalla paura».

Tac di emergenza
Nel giro di poco tempo fui inviata in una clinica per eseguire una TAC urgente. Fu in quel momento che si accorsero che si trattava – per fortuna – solo di una cisti ovarica circondata da fluido. «Il medico mi ha detto che non ero grassa, anzi, in realtà ero piuttosto magra». E poi, «non dimenticherò mai l'espressione di shock sul suo viso quando il consulente mi esaminò, disse che avevo una grossa massa ovarica e l'unica opzione era un intervento chirurgico, non sapeva dire cosa fosse esattamente o quanto potesse essere grande. A quel tempo, anche camminare era una lotta e avevo difficoltà a respirare».

Grande come 7 neonati
Nel mese di marzo Kelly ha subito un intervento chirurgico di rimozione della massa e i medici sono stati sbalorditi nel vedere che si trattava di una cisti ovarica del peso di 26 chilogrammi, equivalente a 7 neonati. «Hanno spiegato quanto fosse grande questa cisti e mi hanno mostrato le foto - non potevo credere di aver camminato da così tanto tempo portando questo alieno dentro di me. Sembrava un enorme mucchio di gelato, così l'ho chiamato Mr Whippy».

Tutto a posto
Per fortuna il tutto è finito nel migliore dei modi e la donna ora ha solo più il residuo dell’intervento (una grossa cicatrice) e tante smagliature. Ma sarà perfettamente in grado di mettere al mondo dei bambini.