30 ottobre 2020
Aggiornato 20:00
Rimedi naturali per la pelle

Macchie e acne: il rimedio naturale è l’acido salicilico

L’acido salicilico, estratto dalla corteccia del salice, è una sostanza benefica per la nostra pelle. Elimina macchie, acne e dona un aspetto più giovanile

Quanto è bella la nostra pelle dopo la tintarella estiva, peccato però, che quando inizia nuovamente la routine lavorativa, si schiarisca fino a tornare esattamente come era un paio di mesi prima. Ma il fatto ancor più critico è che molto spesso rimangono sulla pelle del viso delle antiestetiche macchie estremamente difficili da eliminare. Una delle soluzioni più pratiche ed economiche sembra essere un composto naturale: l’acido salicilico.

Ottimo anche per l’acne
L’acido salicilico è un componente naturale che si estrae da alcune piante medicinali tra queste l’ulmaria e il salice. Svolge un effetto ringiovanente grazie alla sua potente azione antinfiammatoria. In più, ha la peculiarità di eliminare gli strati meno profondi della pelle – ma comunque invecchiati – in maniera molto simile all’acido glicolico. Ne consegue un aspetto più giovanile, privo di macchie e acne.

Come si ottiene l’acido salicilico
Il nome deriva dalla pianta di Salix – il salice. L’acido viene ricavato dalla corteccia di salice che viene contusa e ridotta in polvere. Dopodiché il prodotto ottenuto viene trattato con antiossidanti e filtrato al fine di ricavare un acido salicilico puro. Tuttavia, è bene dire che sono pochi i prodotti in commercio che mettono a disposizione un cosmetico così naturale. Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, si tratta di un principio attivo riprodotto sinteticamente. Un buon cosmetico a base di acido salicilico, oltre ad avere una concentrazione ottimale, deve anche possedere un pH piuttosto basso e non superiore a 4.

Peeling naturale
L’acido salicilico fa parte dei Betaidrossiacidi che vengono adoperati nella cosmesi naturale a scopo esfoliante. In linea di massima viene estratto dalle foglie del salice. La sua caratteristica principale è quella di svolgere un’azione cheratolica, ovvero di spezzare le catene di cheratina assottigliando lo strato corneo. La conseguenza è una rigenerazione cellulare più rapida. Altro fattore, non di poco conto, è che l’acido salicilico aumenta la produzione di collagene, sostanza che tutti sappiamo essere indispensabile per la giovinezza ed elasticità della nostra cute.

  • Sapevi che…?
    L’acido salicilico è poco solubile in acqua, ma si scioglie molto bene in alcol, acetone e cloroformio.

Perché va bene anche per l’acne
La sua azione antiacne è dovuta per lo più alle sue virtù antisettiche e antiinfiammatorie. Inoltre, applicato sulla pelle, elimina sebo e altre sostanze che ostruiscono i pori. I preparati a base di acido salicilico possono essere adoperati sia nelle zone colpite che in quelle limitrofe. L’acido salicilico, come abbiamo detto, apporta effetti simili all’acido glicolico e lattico. È da sottolineare che per avere un effetto simile a quello che si ottiene con un prodotto a base del 30% di alfa idrossiacidi, è sufficiente una concentrazione al 2% di acido salicilico. Concentrazioni elevate, fino al 30% di principio attivo, sono efficaci persino per ridurre la presenza di verruche. Ma vanno utilizzati solo da personale addetto.

Quando non usare l’acido salicilico
Oltre alle persone allergiche all’aspirina – medicinale a base di acido acetilsalicilico – il prodotto viene sconsigliato nelle persone che presentano la pelle scura o mediamente scura. Su tali soggetti, paradossalmente, c’è il rischio di sviluppare macchie. Va tuttavia sottolineato che anche nei soggetti di pelle chiara si possono formare chiazze scure di corneociti che, però, tendono a sparire in breve tempo. Inoltre è auspicabile usarla nei mesi invernali o nei periodi in cui non ci si espone al sole. Vietato l’uso nei bambini.